Musumeci annuncia nuovo progetto di centrodestra con Toti :ilSicilia.it

Conferenza stampa congiunta a Roma

Musumeci annuncia nuovo progetto di centrodestra con Toti

di
24 Gennaio 2019

Io sono l’unico presidente di centrodestra del Sud Italia e anche per questo insieme a Toti abbiamo pensato di intraprendere un nuovo progetto per rinvigorire la coalizione di centrodestra, che al momento appare sfilacciata“. Nello Musumeci sceglie la sede romana della Regione siciliana, durante la firma di un protocollo d’intesa sull’innovazione con il Presidente della Regione Liguria, per un annuncio che potrebbe fare luce sulle prossime scelte del governatore siciliano.

L’ufficialità dovrebbe arrivare subito dopo le elezioni europee, “Quando altri vorranno starci e vorranno condividere alcune iniziative finalizzate a ridare vigore a un patrimonio culturale e politico che l’italia oggi più che nel passato avverte tanto l’esigenza”, sono state le parole di Musumeci. “Io, insieme al governatore della Liguria Giovanni Toti, sono convinto che serva dare una spallata in positivo e portare il centrodestra a parlare di nuovo al cuore della gente – ha affermato il presidente della Regione – Oggi il centrodestra non è molto appetibile, ma è ancora maggioritario nel Paese, al di là dei numeri“.

Non sono mancate le frecciate all’indirizzo della Lega: “C’è un centrodestra legale che è diverso dal centrodestra reale – ha detto Musumeci – Un centrodestra che a Roma sta all’opposizione e una parte che governa su un contratto di programma che non può mai essere” quello “supportato da una tradizione politica culturale, da un comune sentire e un comune parlare. Tutt’altro“. Ma il governatore lascia più di uno spiraglio per riprendere i rapporti con il Carroccio: “Vogliamo rinvigorire il centro-destra – ha detto Musumeci – senza parlare di contrapposizioni a Salvini. Vogliamo creare un’alternativa a questo governo recuperando la lega al centro destra“.

Sulla questione è intervenuto anche il Presidente della Liguria Giovanni Toti: “Che ci sia una Lega che è inchiodata per assenza di alternative al Movimento 5 Stelle al governo è un fattore sotto gli occhi di tutti – ha spiegato Toti – quindi serve una seconda gamba che consenta alla Lega di emanciparsi dall’abbraccio dei 5 stelle in prospettiva. E dall’altra parte dare una casa alle tante anime del centro-destra, in cui ci sono tra gli altri riformatori e liberali, di questo Paese“.

La presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha commentato con favore la conferenza stampa di Musumeci e Toti: “Un altro importante passo avanti nella costruzione di quella ‘seconda gamba’ del centrodestra lanciato lo scorso settembre ad Atreju alla presenza di Giovanni Toti e Nello Musumeci. Sono sinceramente felice che oggi i governatori di Liguria e Sicilia ribadiscano la loro volontà di lavorare al progetto di riportare il centrodestra al governo liberando Salvini e la Lega dalla morsa del M5S – afferma – Un movimento conservatore e sovranista – sostiene – capace di raccogliere culture e identità diverse ma tutte accomunate dalla volontà di affermare e difendere l’interesse nazionale italiano. Le elezioni europee del 26 maggio rappresenteranno una tappa fondamentale di questo percorso e le continue adesioni che stiamo avendo in queste settimane ci fanno essere estremamente ottimisti sui sul futuro di questo progetto“.

https://www.facebook.com/giovatoti/videos/760755104282090/

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.