Musumeci attacca l'Anas: "Viadotto Himera, dopo 4 anni tutto fermo" :ilSicilia.it
Catania

L'intervento in Liguria, al salone nautico internazionale

Musumeci attacca l’Anas: “Viadotto Himera, dopo 4 anni tutto fermo”

di
23 Settembre 2019

Il presidente della Regione, Nello Musumeci incontra in Liguria il governatore Giovanni Toti al salone nautico internazionale e non mancano le polemiche in merito al viadotto Himera e le divergenze tra le due regioni per lavori pubblici e infrastrutture.

Per il ponte Morandi ho letto con piacere che è stata effettuata la prima gettata di cemento, in Sicilia dopo quattro anni il ponte HImera (crollato sulla A19 Palermo-Catania nell’aprile del 2015, ndr) è ancora nelle fantasie dei vertici dell’Anas. La verità è che Rfi e Anas nel Mezzogiorno d’Italia dovrebbero cambiare passo”.

Musumeci punta il dito soprattutto contro Anas: “Qui in Liguria un cantiere dell’Anas – ha detto – forse dura un anno o due, in Sicilia c’è un effetto moltiplicatore per cui un cantiere dell’Anas dura cinque anni”.

Secondo l’Anas doveva essere completata entro il 2018. Invece dall’apertura del cantiere, che non avverrà prima del 2020 (salvo ritardi) e 11 milioni di euro per riportare l’arteria stradale alla normalità.

Aggiudicatario della gara è il raggruppamento temporaneo di imprese Gecob srl – Colnisa Costruzioni – Bua Costruzioni srl, con sede in Catania. La progettazione del nuovo viadotto è iniziata nel febbraio del 2016, mentre la pubblicazione del bando è di agosto dello scorso anno.

Per il crollo del viadotto la Procura di Termini Imerese nel luglio del 2017 ha chiuso un’inchiesta con cinque indagati per omissione di atti d’ufficio e attentato alla sicurezza dei trasporti. Secondo l’ipotesi accusatoria gli indagati “pur essendo a conoscenza dell’evoluzione del corpo di frana che si era manifestata, nel periodo tra marzo ed aprile del 2015, sul versante prospiciente l’autostrada A19 Palermo-Catania ricadente nel territorio del Comune di Caltavuturo, non hanno adottato i provvedimenti dovuti, ognuno in relazione alle specifiche competenze“.

Gli indagati sono il capo dipartimento della Protezione civile Calogero Foti, l’ex sindaco di Caltavuturo Calogero Lanza, il responsabile della protezione civile del Comune di Caltavuturo Mariano Sireci e due dipendenti dell’Anas preposti alla vigilanza del viadotto, Salvatore Muscarella e Giuseppe Siragusa. Le accuse delle quali devono rispondere sono omissione di atti di ufficio e attentato alla sicurezza dei trasporti.

Il cedimento di tre piloni dell’A19, avvenuto nell’aprile del 2015, fu causato da una frana e causò l’interruzione del traffico in autostrada per diversi mesi: la vicenda fece da megafono e pose la Sicilia al centro di uno scandalo nazionale per la condizione di arretratezza delle proprie infrastrutture. Un intero pezzo di carreggiata dell’autostrada, all’altezza di Scillato, è stato abbattuto. Il gruppo di M5S all’Ars, nell’estate del 2015, ha fatto realizzare una trazzera come by-pass, poi è intervenuto il governo con la costruzione di una bretella tuttora in funzione.

L’inchiesta, durata due anni, si è avvalsa di numerose audizioni e di un’ampia documentazione, fra cui il corposo esposto con 800 firme dell’associazione “Adesso basta che ha tenuto acceso un faro costante sul problema dei trasporti nell’Isola. C’è stata anche la consulenza tecnica di un ingegnere geotecnico e di un geologo.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, gli indagati pur essendo a conoscenza dell’evoluzione della frana – fra marzo e aprile del 2015 – non hanno adottato i provvedimenti dovuti per mettere in sicurezza il territorio ed evitare che un tratto di autostrada cedesse. E spezzasse a metà la Sicilia.

Già tempo fa Musumeci aveva duramente contestato ai vertici dell’Anas la lentezza nei lavori sull’autostrada e la scarsa presenza di operai nei cantieri, ricevendone rassicurazioni di potenziamento dall’Azienda nazionale e la promessa che il pilone sul fiume Imera verrà riattivato presto.

 

LEGGI ANCHE:

Musumeci: “Sud grande assente dal confronto Pd-5Stelle”

Viadotto Himera, Musumeci attacca: “Nessuna previsione, opera dimenticata dal Governo”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.