Musumeci chiama a raccolta i capigruppo di maggioranza per far fronte a Pd e M5s :ilSicilia.it

ieri un vertice in un noto ristorante palermitano

Musumeci chiama a raccolta i capigruppo di maggioranza per far fronte a Pd e M5s

di
4 Settembre 2019

Nella smorfia napoletana “la paura fa 90”. Con il cambio rotta del governo nazionale oramai colorato di giallo-rosso, Nello Musumeci in Sicilia chiama a raccolta i capigruppo di maggioranza di Palazzo dei Normanni in un noto ristorante di Piazza Magione, a Palermo.

La parola d’ordine è: “fare squadra” e cercare di fronteggiare l’opposizione del Pd e del Movimento 5 stelle, qui in Sicilia. I due gruppi parlamentari potrebbero creare seri problemi al governo di centrodestra attraverso la loro opposizione e il loro massiccio numero di deputati, ossia 30.

La stentata maggioranza fedele al Presidente della Regione Siciliana, teme in primis che la riforma dei rifiuti possa essere “cassata” proprio dai due partiti che, dopo le vicissitudini politiche romane, è probabile che tenderanno a una convergenza attraverso un fronte comune e unitario. I segnali di queste ore vanno in questa direzione.

Il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, ieri presente alla cena di vertice, questo lo sa. Come lo sa il governatore che ieri sera ha cercato di far riflettere i capigruppo sull’urgenza di chiudere in Aula la parentesi del “Collegato”, testo ridotto a circa 50 emendamenti rispetto al doppio degli stessi, presenti nella prima stesura. Stando alle parole di alcuni esponenti del centrodestra presenti al vertice palermitano, il clima è stato molto sereno e partecipativo.

Insomma pare proprio che, accantonata al momento l’ipotesi del governatore Musumeci di avvicinarsi al partito di Matteo Salvini, che sino a qualche settimana era forza “imponente” del governo romano, ecco che la strada pare si stia spianando per iniziare a lavorare ad un centrodestra unitario, insieme alle forze politiche siciliane rappresentate all’Ars. Ieri, durante il vertice si è parlato anche di rimpasto della Giunta. Come è già ben noto il governatore ha enunciato che ha in  in mente due nomi papabili di cui uno potrà sostituire, l’ex assessore Tusa ai beni culturali.

Presenti alla cena, oltre ai due presidenti della Regione e dell’Ars, i capigruppo delle forze di centrodestra Alessandro Aricò (Diventerà Bellissima). Eleonora Lo Curto (Udc), Antonio Catalfamo (Fratelli di Italia); Carmelo Pullara (Popolari in Sicilia); Luigi Genovese per “Ora Sicilia” e il vicepresidente dell’Ars, Giovanni Di Mauro.

Un rimpasto in qualche maniera ad oggi si poteva immaginare. Prima o poi bisognerà farlo. Ci sono troppi catanesi in questo governo come dico da tempo. E’ chiaro che ci sono delle province scoperte all’interno degli assessorati di questo governo. Qualche cosa bisognerà farla. La mia questione non è politica ma prettamente di territorio”. Racconta il Sicilia.it, Gianfranco Miccichè.

Differenti le parole del capogruppo di ‘Ora Sicilia”, Luigi Genovese a IlSicilia.it. “Abbiamo inaugurato una stagione di dialogo per dettare la linea politica governativa in Sicilia. Il rimpasto sarà fatto a metà legislatura stando alle parole di Musumeci. Con questo governo e questi assessori non è al momento possibile un cambio di poltrone”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.