17 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.13

Intervista del governatore a La Repubblica

Musumeci ci ripensa: “Sì al patto coi Cinquestelle”

11 Gennaio 2019

Dietrofront di Nello Musumeci. Dopo avere rifiutato un mese fa la mano tesa di Giancarlo Cancelleri per un patto in Aula che mettesse nelle condizioni l’Ars di approvare le leggi che approdano a Sala d’Ercole, oggi il governatore, dalle colonne di Repubblica, ripropone quel patto, o comunque qualcosa di molto simile.

So come si governa senza maggioranza, l’ho già fatto nel ’94 alla Provincia di Catania“, afferma Musumeci, che prima attacca: “Ho lanciato decine di appelli alla collaborazione delle opposizioni. Ma sembra un discorso ai sordi“, e poi rilancia: “Cancelleri mi invita a sederci a un tavolo e scrivere assieme le cose da fare? Per me va beneafferma -, scriviamo assieme le cose da aggiungere a un contratto che già c’è e al quale certo non posso rinunciare. Io sono qui. C’è o no la volontà di sedersi attorno a un tavolo, senza inciuci ma con senso di responsabilità? Basta assetti di guerra, pregiudizi, rancori“.

Un contratto che già c’è, dice Musumeci, ma che in realtà il governatore, fino a oggi, non si era mostrato particolarmente propenso a siglare intese. E anzi, a Catania, durante le festività natalizie, aveva speso parole durissime contro i pentastellati, definendo la loro eventuale vittoria alle scorse elezioni regionali una “sciagura peggiore del terremoto“.

Un ripensamento che arriva nei giorni in cui all’Ars è di scena la sessione di bilancio, con finanziaria e collegato che ancora non sono approdate a Sala d’Ercole. Il governo deve trovare i numeri in Aula per farsi approvare le leggi, numeri che al momento non ci sono.

E se il patto con i pentastellati non dovesse andare in porto, Musumeci prepara il piano B, che potrebbe passare per un rimpasto in giunta e una redistribuzione degli incarichi negli uffici della Regione. Alla specifica domanda del giornalista di Repubblica Musumeci risponde “Sì, è probabile che ci sarà qualche modifica all’interno della giunta e fra i dirigenti generali“.

 

LEGGI ANCHE:

Affondo di Musumeci sui 5 Stelle: “Se avessero vinto in Sicilia, sciagura peggiore del terremoto”

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.