Musumeci: "Da recovery aspettiamo risorse sostanziose. Cenere lavica nociva? Non possiamo dire non lo sia" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Musumeci: “Da recovery aspettiamo risorse sostanziose. Uffici Regione in ospedali dismessi”

di
4 Marzo 2021

Durante la visita al cantiere nella caserma dei carabinieri Dalla Chiesa, a Palermo, riferendosi al Recovery fund e alle misure a sostegno della ripresa dell’economia depressa dalla pandemia da covid, il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci: “Dallo Stato devono arrivare sostanziose risorse, noi possiamo mettere solo le briciole. Quello che avevamo da fare l’abbiamo fatto, sui fondi comunitari ci sono vincoli che a volte non ci permettono di riprogrammare i fondi”.

“Adesso tra noi e quello che ci sarà da fare c’è un processo burocratico, ci saranno dei tempi che purtroppo spesso non sono legittimati da reali esigenze”, dice ancora il governatore Musumeci.

VACCINI: “SPERIAMO MAGLIE PIU’ LARGHE DA ROMA”

Speriamo che Roma autorizzi tutti i vaccini possibili affinché si possano avviare e mettere in opera i nove punti vaccinali che abbiamo pianificato nelle città capoluogo della nostra regione. E mi auguro maglie più ampie, pur nella garanzia della efficacia, affinché poi le amministrazioni locali possano organizzare il loro piano di vaccinazione“. Cosi il presidente della Regione siciliana. E rispetto alla possibilità di acquisti autonomi da parte delle singole regioni, ha aggiunto: “Le interlocuzioni sono legate all’autorizzazione degli organi preposti. La Repubblica di San Marino mi risulta che abbia utilizzato un nuovo vaccino al di là dei tre ammessi in Italia: se lo fanno loro perché non deve farlo lo Stato italiano?“.

IN OSPEDALI DISMESSI UFFICI DELLA REGIONE

“In Sicilia abbiamo trovato una ventina di ex ospedali dismessi abbandonati al loro destino, senza alcuna sorte certa e destinati a diventare luoghi di spaccio, rifugi per malviventi, arsenali. Abbiamo deciso di trasformare l’edilizia sanitaria dismessa in centro direzionale regionale, luoghi in cui concentrare gli uffici della Regione. E’ un crimine tenere inutilizzato un edificio pubblico e mantenere in essere rapporti di fitti passivi per ospitare gli uffici; è un delitto. Lo stiamo facendo a Catania, a Enna, a Trapani, a Caltanissetta: stiamo lavorando per recuperare l’edilizia pubblica”.

CENERE LAVICA: “NON ABBIAMO CERTEZZA CHE NON SIA NOCIVA”

Non abbiamo la certezza che la cenere vulcanica sia non nociva. Vogliamo per questo motivo aprire un’interlocuzione con l’Istituto Superiore di Sanità per un’analisi di quel materiale che viene per giorni maneggiato da persone e soprattutto diventa strumento di gioco per i bambini”, ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci sulla cenere dell’Etna: “Vogliamo avere la certezza che la cenere vulcanica non sollevi polveri nocive all’essere umano. Resta comunque un disagio e un peso – aggiunge il governatore – oltre che un onere finanziario per i comuni che vivono gia’ alla giornata. Vorrei poter disporre di una risorsa per sostenere e co-finanziare l’intervento di rimozione della cenere vulcanica“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin