20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

Il governo è senza maggioranza all'Ars

Musumeci dice no a Cancelleri: “Contratto già scritto, non sono fatto per i ribaltoni”

7 dicembre 2018

Nessuno si illuda, io non sono fatto per i ribaltoni“. Nello Musumeci declina l’offerta lanciata da Giancarlo Cancelleri di una mano tesa del Movimento 5 Stelle per portare avanti l’azione di governo.

Come ribadito ancora una volta dal Presidente della Regione, il suo è un governo senza maggioranza, ma questo, almeno a sentire Musumeci, non vuol dire che a un anno dall’insediamento si possano cambiare le carte in tavola rispetto alle alleanze pre-elettorali: “Questa è la mia coalizione – ha affermato Musumeci – e con questa, al di là dei numeri, andrò avanti per tutta la legislatura“.

Poi un riferimento chiaro al contratto, idea rilanciata in Sicilia da Cancelleri dopo la sottoscrizione romana tra Lega e Movimento 5 Stelle per dar vita al governo giallo-verde:  “È già scritto – taglia corto Musumeci – Non c’è un solo rigo bianco perché l’ho fatto con chi ci ha eletto“.

Come detto, però, Musumeci deve fare i conti con i numeri che all’Ars non gli sono amici. Per questo, pur chiudendo la porta chiude la porta, lascia uno spiraglio: “Se le altre forze politiche volessero proporre altri temi e obiettivi non presenti – ha chiosato – vengano con umiltà e insieme potremo scrivere l’allegato A e B (del contratto, ndr)”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.