16 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.43

Il rapporto con gli uffici della regione

Musumeci e la burocrazia regionale. Bastone o carota?

11 Gennaio 2018

Il contratto economico dei dipendenti regionali non si rinnova da 12 anni. Per la precisione dal 2002.

Il prossimo impegno del governo sulla contrattazione è previsto per il 16 gennaio. In quella data verrà avviata la prima fase propedeutica che dovrà condurre alla direttiva da dare poi, successivamente, all’Aran (Agenzia rappresentanza negoziale pubbliche amministrazioni).

Bernardette Grasso, assessore alla Funzione pubblica e alle Autonomie locali, sta già sviluppando un primo piano di livelli di discussione di problemi, ma non vuole al momento precorrere i tempi del confronto con i sindacati. Quel che è certo è che l’obiettivo principale, il verbo da seguire e la linea da intercettare, è quella di sburocratizzare.

Cobas e Codir distinguono una prima area d’intervento ad esempio sulla riclassificazione del personale della Regione siciliana, abolendo, possibilmente, figure ormai rese superate e riqualificando. Senza contare, come già in passato, è stato evidenziato, il bisogno di procedere a una pesatura dei Servizi, delle Aree ed i criteri di valutazione della dirigenza. Cobas e Codir inoltre propongono di unificare il tabellare dello stipendio con l’indennità integrativa speciale (contingenza).

Musumeci nel corso delle dichiarazioni programmatiche rese all’Ars ha puntato l’indice sulla motivazione e sul recupero dell’efficienza della macchina regionale, mettendolo anche in relazione con il regime delle autorizzazioni.

Tempi certi per una macchina più veloce dell’amministrazione: “Siamo all’amministrazione difensiva. A noi serve rendere competitivo il settore delle imprese. I tempi della politica non sempre coincidono con quelli dell’imprenditore lo stesso concetto vale per la burocrazia”

Il rapporto tra il nuovo governatore siciliano e la burocrazia regionale, dunque, è tutto da verificare e va registrato secondo dinamiche, da entrambi lati, rinnovate.

Crocetta con i dipendenti della Regione dava un colpo al cerchio e uno alla botte, un giorno non andavano bene e l’altro faceva mille distinzioni, ma ha sempre mantenuto un comportamento generale di rispetto. Da Musumeci i regionali attendono di capire quale sarà il loro destino nel complicato processo di riorganizzazione interna.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.