Musumeci: "Faraone senza pudore, accuse vergognose sullo stato dei Beni Culturali" :ilSicilia.it
Siracusa

duro scontro sui siti archeologici

Musumeci: “Faraone senza pudore, accuse vergognose sullo stato dei Beni Culturali”

di
3 Giugno 2019

“Il deputato del Pd Davide Faraone non ha il senso del pudore. Se lo avesse, la smetterebbe con questo vergognoso, quanto inutile, tentativo di far dimenticare ai siciliani la latitanza del passato governo regionale, anche nella gestione dei siti archeologici dell’Isola”, a parlare è il presidente della Regione, Nello Musumeci: il pomo della discordia è la responsabilità sul degrado dei siti archeologici di Siracusa. La pietra angolare su cui  il segretario siciliano del Pd, Davide Faraone, ha basato le critiche nei confronti del governatore, accusato di disinteressarsi della questione.

“Se avesse avvertito, allora, la stessa sensibilità che finge di avere adesso – continua Musumeci –  le erbacce del Castello Eurialo a Siracusa e quelle di tanti altri siti archeologici regionali sarebbero di minore impatto”.

Non si fa attendere la replica di Faraone che attribuisce a Musumeci la colpa di non aver prodotto “un solo atto sul degrado dei siti archeologici di Siracusa che abbiamo denunciato da settimane” e di guardare con interesse solo alla realtà di Militelloper la quale si spende personalmente e con importanti risorse pubbliche ma potrebbe dedicare qualche minuto anche a Siracusa”.

Infine, Faraone ironizza sulle affermazioni del governatore sulle colpe della precedente Amministrazione: Musumeci, invece di addossare la colpa ad Adamo ed Eva, dovrebbe convincersi che non fa il presidente della provincia”.

Parole che sembrano non scalfire l’aplomb del presidente della Regione che tornando alle questioni concrete rassicura i siciliani affermando che “Stiamo lavorando affinché, entro pochi mesi, sia varato un articolato Piano di accesso e fruizione ai reperti archeologici rimasti in passato preclusi ai visitatori”.

Poi ribadisce:”Questo sarà uno dei rimedi ai tanti problemi annosi lasciati insoluti dal precedente governo regionale a guida Pd”.

 

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin