Musumeci: "Impresentabili eletti? Deluso dagli elettori siciliani" :ilSicilia.it

Il neopresidente non fa sconti a nessuno

Musumeci: “Impresentabili eletti? Deluso dagli elettori siciliani”

di
25 Novembre 2017

Sulla polemica relativa agli impresentabili, il neopresidente della Regione Nello Musumeci non fa sconti a nessuno, neanche agli elettori che li hanno votati. “Se i siciliani si sentono delusi della politica hanno ragione, ma io mi sento deluso dagli elettori siciliani perché il ceto politico non è altro che lo specchio di una società”. Lo ha detto nel corso dell’intervista pubblica di Panorama a Ragusa.

Il tema che aveva dominato la campagna elettorale si è riacceso già all’indomani delle elezioni con l’arresto del deputato dell’Udc Cateno De Luca e le altre tre inchieste che, a distanza di due settimane dalla chiusura degli scrutini, hanno investito altri tre deputati: l’esponente di Sicilia Futura Edy Tamajo e i parlamentari di Forza Italia Riccardo Savona e Luigi Genovese. A queste si aggiungono quella che ha portato all’arresto del primo dei non eletti del M5S ad Agrigento. Fabrizio La Gaipa. e quella che riguarda l’ente di formazione Isfordd, fino a qualche mese fa guidato da Tony Rizzotto, primo deputato leghista all’Ars .

Le parole di Musumeci suonano come una sorta di “mal comune mezzo gaudio” che alleggerirebbe le colpe dei partiti che li hanno candidati. “Ognuno in cabina elettorale – ha detto Musumeci – scrive un nome e un voto, senza alcuna pistola puntata alla tempia. Se voti per i mascalzoni, te li ritrovi eletti; se voti per le persone perbene è chiaro che ti trovi un ceto politico di persone perbene. Noi politici siamo il risultato, voi elettori siete la causa, non perdiamo di vista questo dato. Voi comandate la domenica, noi siamo sul giornale il lunedì”.

Il fenomeno degli impresentabili non è una novità. “In Sicilia – ha osservato il Governatore – gli impresentabili ci sono da 70 anni, e nessuno si è mai scandalizzato. Ricordiamoci che il mascalzone politico in Sicilia veniva chiamato ‘u spertu’, il politico onesto che non faceva favori veniva chiamato ‘cristiano bono ma nun cunta’. E quando dicevo di qualcuno che era un tangentista mi dicevano ‘è uno che mangia e fa mangiare’. Questa è la complicità di una parte del popolo siciliano nella degenerazione morale che ci siamo tenuti per 70 anni”.

Una degenerazione che anche stavolta non ha trovato argini, nè dalla parte della politica nè da quella dei cittadini.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.