Musumeci in Trentino: "Riorganizzare i sistemi antincendio" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Musumeci in Trentino: “Riorganizzare i sistemi antincendio”

di
27 Agosto 2021

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha fatto tappa nella sua visita in Trentino alla sala operativa dei vigili del fuoco di Trento. Accompagnato dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, e dall’ingegnere Raffaele De Col ha potuto conoscere da vicino tutte le componenti della protezione civile trentina.

Vigili del fuoco professionisti e volontari, i servizi della Provincia in materia di protezione civile, sicurezza e gestione del territorio, volontari alpini, croce rossa, associazione cani da ricerca, psicologi per i popoli, soccorso alpino, nucleo elicotteri e via dicendo. Musumeci, accompagnato dall’assessore regionale ambiente Toto Cordaro e da Salvo Cocina capo della Protezione civile regionale siciliana ha ringraziato tutti gli operatori trentini per l’aiuto e il supporto ricevuto dall’Isola evidenziando come il Trentino possa essere un punto di riferimento importante per il nuovo sistema di protezione civile regionale siciliano.

“Ringrazio il presidente Fugatti e tutti voi, ognuno per le proprie competenze. Ho aderito prontamente all’invito per confrontare le nostre esperienze. Trentino e Sicilia sono due regioni di frontiera, una opposta all’altra geograficamente, e la calamità da noi subita durante questa estate, che speriamo non si ripeta, assieme all’aggressione del fuoco che ha riguardato anche altre regioni italiane, sollecita i processi di riorganizzazione dei sistemi antincendio. Questo territorio esprime una delle esperienze virtuose del Paese. Vi ringrazio per l’accoglienza e per l’apporto generoso che avete dato in un momento difficile per la Sicilia che oggi è pronta a varare una riforma attesa da anni”.

“Ringrazio Musumeci per la sua visita dopo l’opera effettuata in Sicilia dagli operatori trentini nel campo antincendi – ha detto Maurizio Fugatti -. Il presidente si è complimentato per l’efficienza e la professionalità degli interventi da noi effettuati in Sicilia. Questo ci onora, a maggior ragione vista la forte vocazione autonomista della Regione Siciliana. Un territorio che con i suoi rappresentanti viene in Trentino per conoscere la nostra protezione civile: questo è motivo di orgoglio per tutto sistema trentino”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.