Musumeci inaugura il nuovo anno scolastico a Siracusa: "Cambiamo insieme questa terra" | CLICCA E GUARDA IL VIDEO :ilSicilia.it
Siracusa

L'INCONTRO

Musumeci inaugura il nuovo anno scolastico a Siracusa: “Cambiamo insieme questa terra” | CLICCA E GUARDA IL VIDEO

di
23 Settembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Grazie cari ragazzi, sono qui perché oggi è un giorno importante, di festa. Ma sono qui anche per affidarvi un incarico impegnativo: cambiamo insieme la Sicilia, da solo non ci riuscirei ma con voi – tutti insieme – sì. C’è bisogno di cittadini che non siano rassegnati, ma che siano carichi di adrenalina, che sappiano che la vita non è fatta solo di diritti ma anche di doveri e che per arrivare agli obiettivi ci vogliono polpacci, fiato, tenacia». E’ il messaggio, accompagnato da un lungo applauso, che il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha voluto rivolgere agli studenti e alle studentesse, intervenendo a Siracusa, alla cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico che si è tenuta questa mattina all’istituto “Luigi Einaudi”.

Il governatore è stato accolto dal prefetto Giusi Scaduto, dal sindaco della città aretusea, Francesco Italia, e dalla dirigente scolastica Teresella Celesti. Alla cerimonia erano presenti anche il commissario del Libero Consorzio, Domenico Percolla, il provveditore agli Studi Nicola Neri Serneri, autorità civili, militari ed ecclesiastiche. All’apertura dell’incontro l’inno della Regione Siciliana e l’inno nazionale eseguiti dagli studenti.

Musumeci, rivolgendosi ancora ai giovani, ha poi continuato: “Non arrendetevi, non abbiate paura delle criticità. Anche quando cadete e vi fate male, rialzatevi e riprendete il cammino. Non importa che apparteniate a una famiglia benestante o meno, la tenacia non è legata al portafoglio. Non abbiate paura della vita, affrontate gli ostacoli, non arrendetevi mai“.

E ha chiesto a tutti un impegno per la rinascita della Sicilia: “Questa terra è meravigliosa, ma noi siciliani, a volte,  sembriamo non esserne sufficientemente innamorati. Non iscrivetevi al partito della rassegnazione! Se potete, perfezionate il vostro studio, andate all’università, perché la competizione in Europa si fa con titoli di studi qualificati. Chi non vuole continuare gli studi, si impegni nella ricerca di un lavoro onesto. È questa cultura che bisogna coltivare. Buon futuro a tutti“.

Nel corso della cerimonia, hanno avuto luogo esibizioni artistiche e  interventi musicali curati da studenti e insegnanti. Sono stati proiettati, inoltre, dei corti dedicati al tema della legalità.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin