Musumeci lavora alle emergenze e prepara la prima maxi rotazione dei burocrati :ilSicilia.it

Le scelte del nuovo governo

Musumeci lavora alle emergenze e prepara la prima rotazione dei burocrati

di
13 Dicembre 2017

Il presidente della Regione Musumeci ieri ha incontrato i suoi assessori nella formula preparatoria della riunione di pre-giunta, fissando i primi paletti organizzativi.

Ieri, tra gli argomenti trattati, anche organizzazione interna e regolamento della giunta.

Sta per arrivare invece il primo giro di rotazioni tra i direttori generali. Già è stata avviata una prima discussione. Basata più sui criteri che non sulle effettive caselle da incrociare tra loro. Un tempo comunque che si preannuncia ravvicinato quello delle scelte dei vertici della burocrazia da parte del nuovo  governo regionale.

Un peso specifico non indifferente in questa discussione, inoltre, lo ricopre il problema del bilancio consolidato che rimane da approvare. Se dovesse arrivare la proroga di sei mesi che giovedì scorso il neo assessore al Bilancio Armao ha provato a strappare al governo romano, il via libera anche ai contratti degli esterni all’amministrazione regionale sarebbe solo una questione di tempo.

Le rotazioni in questa prima fase dovrebbero riguardare pochi incarichi ‘ex novo’ che comunque non sono del tutto esclusi, diverse conferme e altrettanti spostamenti.

Uno dei nomi tra quelli che sono nella rosa dei direttori papabili rimane quello di Salvo Taormina, che in passato è stato Segretario generale di Palazzo d’Orleans, ai tempi del governo Cuffaro. Lagalla, nuovo titolare dell’Istruzione e Formazione professionale, lo vuole con sé per guidare il dipartimento. Gianni Silvia, tra l’altro, che attualmente ricopre l’incarico in questione, potrebbe anche andare in pensione in tempi brevi.

Un outsider in ascesa è anche Salvo Cocina, attualmente responsabile dell’Ufficio speciale per la differenziata. Potrebbe andare ai Rifiuti a fianco del nuovo assessore Figuccia

In pole position tra i dirigenti c’è Fulvio Bellomo, responsabile delle Infrastrutture. Potrebbe essere un jolly per diverse soluzioni, anche se l’opzione più probabile è quella di fargli portare avanti  il complesso mosaico di opere pubbliche da far partire e completare, tra quelle presenti nella lunga mappa dei lavori del Dipartimento in cui già si trova.

In crescita le quotazioni di Rosolino Greco, attualmente direttore del Fondo pensioni della Regione. Per lui le ipotesi al momento contemplate riguarderebbero le Attività produttive, posto attualmente ricoperto da Alessandro Ferrara,  o le Autonomie locali.

Meno probabile, ma non escluso, anche il turn over alla Funzione pubblica, postazione occupata da cinque anni da Luciana Giammanco.

Dario Cartabellotta potrebbe fare ritorno all’Agricoltura, lasciando la Pesca, mentre nel caso in cui Gianni Silvia dovesse andare a breve in pensione, si libererebbe anche la casella della Formazione professionale, alle prese con i problemi senza fine dell’Avviso 8 e le partenze di alcuni corsi dell’ex Obbligo Formativo.

Ieri l’assessore all’Economia e vicepresidente della Regione Armao  ha esposto alcune delle criticità emerse dal lavoro della commissione che ha nominato sull’operazione verità dei conti della Regione, senza però portare ancora i numeri. Operazione che andrà a perfezionare nell’arco di qualche giorno.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.