Musumeci parla ai moderati ma allontana la lista unica alle Europee :ilSicilia.it

Le esternazioni del governatore

Musumeci parla ai moderati ma allontana il listone alle Europee

21 Dicembre 2018

“Servono una coalizione e un progetto politico che sappiano tornare a parlare all’area più vasta del popolo italiano, quella dei moderati. Noi abbiamo il dovere di dare un tetto a chi non si riconosce né nel populismo grillino né nella sinistra e per farlo pensiamo che serva un ampio progetto all’interno del quale ognuno deve conservare la propria identità“. Parola del Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, che ha commentato anche le difficoltà di convivenza all’interno dell’esecutivo gialloverde“il Governo nazionale è costretto a restare in piedi, attraverso un accordo di compromesso programmatico, proprio perché non c’è una alternativa all’alleanza Lega-M5s“.

Una presa di posizione particolarmente attesa dopo le ultime esternazioni di Gianfranco Micciché, che a più riprese ha chiamato i moderati a costituire un argine antipopulista e a schierarsi contro il sovranismo, attaccando a più riprese la Lega, spingendosi a ipotizzare una lista unica per le prossime elezioni Europee.

Il modello a cui Musumeci guarda è quello “ripristinato alla Regione siciliana: un centrodestra organico. Pare che ci siano delle difficoltà, ostacoli – ha aggiunto – ed è chiaro che se non saremo tutti d’accordo sarà difficile varare questo progetto, ma voglio sperare ancora una volta che la Sicilia possa essere laboratorio e, al tempo stesso, anticipatrice di scelte innovative, che si proiettano anche su una dimensione nazionale“.

Insomma, per il momento la lista unica non sarebbe all’ordine del giorno del governatore, ma semmai una coalizione vasta, e gela chi sperava che il governatore sciogliesse il nodo del voto di primavera per il rinnovo del parlamento europeo lanciando il proprio movimento quale partner di un soggetto unico: “A me sembrano troppo vicine le elezioni europee per potere consentire che un progetto politico innovativo possa essere condiviso dalla base e dal territorio. Mi sembra che per le Europee possa apparire difficile creare questo progetto politico – ha detto Musumeci – Magari si potranno pensare altre formule, altre aggregazioni, patti federativi. Il progetto potrebbe nascere subito dopo. Il mio movimento Diventerà Bellissima – ha concluso il governatore – terrà il congresso generale il 27 gennaio e in quella data si deciderà anche quale sarà la linea da adottare per le Europee“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.