Musumeci prova a serrare i ranghi attorno alla riforma sui rifiuti. Poi il rimpasto :ilSicilia.it
Palermo

oggi il ddl arriva a palazzo dei normanni

Musumeci prova a serrare i ranghi attorno alla riforma sui rifiuti. Poi il rimpasto

di
5 Novembre 2019

Oggi in Aula a Palazzo dei Normanni arriva il ddl Rifiuti. Una norma, fiore all’occhiello del governo Musumeci che potrebbe rischiare di fare un buco nell’acqua. La riforma è la prima vera ‘bandiera’ del governatore in questi due anni di legislatura. Il ddl, complesso nel suo insieme, tocca numerosi punti in merito alla tematica, passando dalla differenziata alle discariche, dal criterio di prossimità degli impianti al piano regionale dei rifiuti, fino all’annosa questione legata al personale.

A questo si aggiunge che al momento la commissione Ambiente sta esaminando i vari emendamenti. 700 per l’esattezza. Una zavorra che rischia di appesantire i lavori d’Aula e che l’opposizione ha preannunciato di cercar di bloccare l’approvazione di questo disegno di legge. Lungo l’asse del Pd e del Movimento 5 stelle sfila anche il gruppo parlamentare di Sicilia Futura. Ma Musumeci per evitare ‘figuracce’ a Sala d’Ercole, qualora il disegno di legge non venisse approvato, da giorni tenta la mediazione con tutte le fazioni politiche presenti a Palazzo dei Normanni. Oggi alle 10 il governatore ha riunito i capi gruppo, appunto, per cercare di fare la quadra sul ‘benedetto’ ddl rifiuti.

Assente giustificato? Chiaramente l’opposizione. Ma anche da parte della maggioranza potrebbe esserci qualche franco tiratore o un battitore libero a cui sta stretta questa maggioranza.

Come il deputato dell’Udc, Vincenzo Figuccia. Proprio ieri il deputato regionale ha incontrato l’assessore all’Energia, Alberto Pierobon, per approfondire alcuni punti importanti della riforma dei rifiuti. Tra gli altri sono state rappresentate alcune preoccupazioni dei lavoratori sui possibili effetti della legge. Ma alla domanda: lei voterà a favore del ddl rifiuti? Figuccia è molto chiaro e ironico: “Ancora ami a biriri (ancora dobbiamo capire ndr)”.

Il governo Musumeci in due anni non aveva mai agito politicamente in questo modo, serrando i ranghi attorno ad un ddl che vale molto di più che di una semplice legge regionale. In questi giorni il governatore ha anche incontrato più volte il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè. Voci di corridoi dei Palazzi sussurrano che il governatore abbia aperto alla possibilità di un possibile rimpasto ad inizio 2020 con la sostituzione di alcune pedine di Forza Italia. Ma tutto questo solo dopo l’approvazione del ddl rifiuti e del bilancio di previsione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin