Musumeci replica a Toninelli: "Anas e Rfi la smettano con mentalità coloniale" :ilSicilia.it

LA STRIGLIATA DEL GOVERNATORE

Musumeci replica a Toninelli: “Anas e Rfi la smettano con mentalità coloniale”

di
4 Aprile 2019

Il governatore della Sicilia Nello Musumeci non ci sta e da Catania replica alle accuse del ministro Danilo Toninelli sulle affermazioni di inoperosità che il titolare del dicastero ha lanciato verso la Regione in merito alla necessità di provvedere al miglioramento della viabilità in Sicilia.

Ricordo al ministro Toninelli che parla di tempi di percorrenza in treno di un’ora e 45 minuti da Catania a Palermo entro il 2025 che è una follia e un’offesa al buonsenso dei siciliani – ha affermato il governatore – In altre parti del Paese i tempi dei cantieri sono inferiori, in Sicilia no. La verità è che al Centro-Nord un cantiere di Anas o Rfi può durare due anni, nel Mezzogiorno e in Sicilia cinque o sei anni“.

Ecco, questa favola di riproporre lo specchio delle allodole deve finire, la smettano pure. Questa mentalità coloniale dobbiamo neutralizzarla con meno sopralluoghi e più controlli – ha detto Musumeci – La stessa cosa disse un ex assessore regionale ai Trasporti nel 2001“.

 

Leggi l’articolo con l’attacco di Toninelli a Musumeci:

Attacco di Toninelli a Musumeci: “I fondi per le strade ci sono, la Regione è ferma”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.