Musumeci rilancia la battaglia per il voto provinciale: "Che tristezza se a scegliere saranno i partiti" | VIDEO | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il governatore riunisce i sindaci di centrodestra

Musumeci rilancia la battaglia per il voto provinciale: “Che tristezza se a scegliere saranno i partiti” | VIDEO

di
12 Settembre 2018


Guarda il video in alto

“Ci siamo riuniti con alcuni sindaci di centrodestra e siamo convinti che le provincie debbano avere maggiori poteri. Niente poltrone, ci sono solo trincee. Quando non si manda più il popolo a votare, quando i vertici delle province sono affidati agli apparati dei partiti e non al voto popolare è chiaro che c’è una forte e pericolosa e preoccupante delegittimazione del principio democratico”.

Ad affermarlo è il presidente della Regione Siciliana e leader di #DiventeràBellissima Nello Musumeci, che martedì 11 settembre ha riunito un manipolo di primi cittadini a Palermo, per lanciare la battaglia del voto provinciale.

Fra i presenti, Gino Ioppolo, Maria Rita Schembari, Giuseppe Mistretta, Nino Musca, Giuseppe Bica, Filippo Drago. All’incontro, anche alcuni assessori del governo regionale: c’erano, fra gli altri, Bernardette Grasso, Roberto LagallaAndremo a votare a novembre o poco dopo per le province – ha detto Musumeci – ma voteranno soltanto i rappresentanti dei partiti. Che tristezza”. 

Per #DiventeràBellissima, intanto, anche il nodo europee, visto che il movimento deve decidere se e dove piazzare alcuni propri candidati per le consultazioni di primavera. La strada potrebbe essere quella dell’accordo con la Lega, per inserire in lista qualche esponente vicino al governatore siciliano.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin