Musumeci: "Scala dei Turchi di nuovo fruibile" | FOTO :ilSicilia.it
Agrigento

Opera consolidamento durata cinque mesi

Musumeci: “Scala dei Turchi di nuovo fruibile” | FOTO

di
8 Agosto 2019

Da oggi l’incantevole spiaggia di Scala dei Turchi a Realmonte, nell’agrigentino, è di nuovo fruibile grazie all’intervento, in tempi rapidi, del governo Musumeci. Dal dicembre del 2017, a causa della caduta di alcuni massi, il comune aveva interdetto con un’ordinanza il transito nell’unica via d’accesso a tutela dell’incolumità pubblica.

Occorreva, quindi, mettere in sicurezza il tratto di litorale nei pressi di punta Maiata dove si erano registrati i cedimenti di roccia di marna bianca. Ed è stata la Regione, attraverso l‘ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente Nello Musumeci e diretto da Maurizio Croce, a intervenire senza indugi e a farsi carico delle procedure necessarie per riconsegnare a milioni di visitatori, nel più breve tempo possibile, quella che può essere a ragione ritenuta una delle perle del turismo mondiale, candidata a far parte del “Patrimonio dell’Umanità” dell’Unesco.

Musumeci a Scala dei TurchiL’iter amministrativo ed esecutivo, considerato l’eccezionale interesse pubblico del sito, è stato completato in tempi rapidissimi. Dall’inserimento dell’intervento nella delibera della giunta regionale di ottobre dell’anno scorso si è arrivati, in meno di venti giorni, a finanziare e approvare il progetto per un importo di 417 mila euro e giungere, in poco più di novanta giorni, all’aggiudicazione definitiva dei lavori, avviati con procedura d’urgenza nel marzo scorso. L’opera di consolidamento è durata cinque mesi e la riapertura della spiaggia, così come da programma, è potuta avvenire nel pieno della stagione estiva.

“Oggi – ha detto il governatore Musumeci, che per l’occasione si è recato a Scala dei Turchi insieme all’assessore al Territorio Toto Cordaro siamo qui, in uno dei luoghi costieri della nostra isola più visitato, per un sopralluogo e per prendere atto con soddisfazione dell’efficienza che l’amministrazione regionale, attraverso la Struttura contro il dissesto idrogeologico e la Protezione civile, ha dimostrato in questa ennesima occasione. Abbiamo messo in sicurezza il luogo, abbiamo evitato che la frana potesse continuare ad alimentarsi e, naturalmente, terremo sotto controllo questa particolare area della nostra costa agrigentina”.

Musumeci a Scala dei TurchiRivolgendosi ai presenti, il presidente della Regione ha aggiunto: “Volevo condividere con voi questa gioia, non soltanto perché abbiamo messo in sicurezza un luogo assai frequentato, ma anche perché abbiamo valorizzato un luogo turistico che deve essere di esempio catalizzatore, un polo di attrazione. La carta del turismo ce la stiamo giocando, e anche bene, rispetto alle altre regioni italiane. Però non bisogna cullarsi sugli allori. Servono servizi di qualità, serve una buona accoglienza, servono attenzioni particolari nei confronti dei nostri ospiti. Solo così cambia e si consolida la buona reputazione della nostra isola. E solo così diamo una spallata in positivo all’economia siciliana, e Dio sa quanto ce ne sia bisogno. Il governo sta facendo fino in fondo la propria parte e questa è la Sicilia che mi piace”.

“La giornata di oggi – ha detto l’assessore Cordarocostituisce la cartina di tornasole del metodo usato dal governo Musumeci: finanziamento, progettazione e realizzazione. In pochissimo tempo abbiamo restituito, con un’opera interamente concepita e realizzata dal nostro governo, uno degli angoli della Sicilia più famosi nel mondo alla fruizione sicura di cittadini e turisti”.

Musumeci a Scala dei TurchiGiusi Savarino, Presidente IV Commissione legislativa ARS, plaude al governo Musumeci: «Oggi con il Presidente Musumeci, restituiamo la scala dei turchi alla collettività. La scala dei turchi, meta di centinaia e centinaia di turisti ogni anno, è un potenziale bene patrimonio dell’umanità. In soli 6 mesi la protezione civile, sotto la guida del Presidente Musumeci, ha realizzato il progetto ed ultimato i lavori di consolidamento realizzando anche una economia sui lavori di circa 100 mila euro. Sono molto soddisfatta ed orgogliosa del dialogo con il territorio e di come il Presidente Musumeci sia sempre pronto a dare risposte efficienti e veloci. Voglio ringraziare il Presidente Musumeci, perché in un solo anno e mezzo,  cioè dal nostro insediamento, la provincia di Agrigento che versava in stato di abbandono, è tornata al centro dell’agenda politica regionale. Questo, infatti, è solo il primo degli impegni presi che portiamo a compimento, a breve partiranno anche i lavori per il consolidamento del costone della cattedrale di Agrigento ed il progetto per la spiaggia di Eraclea Minoa, al vaglio della nuova commissione Via/Vas. Lo ripeto sempre, questa è la stagione politica del fare, del fare Bene».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin