Musumeci senza freni: "Qualche cretino all'Ars. Alcuni abituati ad ex governatori seminudi" :ilSicilia.it

il governatore alla convention di cefalù

Musumeci senza freni: “Qualche cretino all’Ars. Alcuni abituati ad ex governatori seminudi”

di
4 Luglio 2020

Burocrazia, sindacati e il lavoro silenzioso del governo sono stati le parole chiave dell’intervento finale del presidente Musumeci durante la convention di Diventerà Bellissima, a Cefalù.

“RESTEREMO ULTIMI”

“Non basteranno altri due anni e mezzo per rendere la Sicilia normale. Il mercato ci ha condannato a rimanere ultimi”. Numerose sono le stoccate del presidente sopra il palco a Cefalù davanti a si suoi sostenitori e politici di riferimento siciliani.

Crocetta al mare a TusaLA STOCCATA A CROCETTA

“Molti pensano che il nostro governo non stia facendo nulla. Ma i vecchi governi erano abituati a giochi d’artificio, coriandoli prime in tv. Come dargli torto se la gente era abituata a vedere ex presidenti della Regione semi nudi sulle spiagge mentre noi in silenzio lavoriamo per scavare in questa Sicilia e creare le fondamenta per la rinascita di questa terra”.

Il governatore tra gli applausi dà una stoccata anche a Palazzo dei Normanni e dice: “Possiamo anche restare soli possiamo anche andare prima a casa. Ma non tradirò mai la fiducia dei siciliani di chi mi ha sostenuto. Che lo sappiano a Palazzo dei Normanni”.

“QUALCHE CRETINO ALL’ARS”

Il governatore si rivolge poi “A qualche cretino dell’assemblea siciliana. Non ce ne sono tanti ma c’è una delegazione importante che si chiede: “Ma quando questa Terra diventerà Bellissima?”. Questo significa non avere capito le parole di Paolo Borsellino, che aveva detto che “un giorno questa terra Diventerà Bellissima”. Non esteticamente, ma interiormente, come fiducia nelle sue potenzialità. Certo… le strade che sono schifose. Ma non sono di responsabilità del governo regionale, ma di Roma”. 

“ANTIMAFIA A VOLTE PERICOLOSA QUANTO LA MAFIA”

“Il nostro slogan “Diventerà Bellissima” è perché in Sicilia c’è ancora speranza. Superare lo spirito del fatalismo e della rassegnazione. Dividere il bene dal male. La buona politica dalla malapolitica. Ma non la mafia dall’antimafia, perché a volte l’antimafia ha fatto i suoi danni in Sicilia”.

CONFRONTARSI COL CENTRO-DESTRA NAZIONALE

“Io non mi iscrivo a Fratelli di Italia, non alla Lega, né a Forza Italia. Ma ho il diritto di trovare una intesa con un partito nazionale. La diversità è una garanzia. Io discuto con tutti. Noi faremo la nostra scelta. Ma se un leader nazionale invita in modo particolare il movimento di Musumeci, io non ho difficoltà a discutere. Noi dobbiamo cercare l’intesa sugli obiettivi; dobbiamo delegare a difendere i nostri obiettivi e in Sardegna lo hanno già fatto. Prima di noi. Hanno fatto un patto federativo. Se ci sediamo intorno a un tavolo. Io ho il compito di difendere il nostro diritto a restare quello che siamo. Io parlerò con tutti i leader dei partiti del centro-destra nazionale. Ma state certi: la vita del nostro movimento non è messa in discussione”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.