Musumeci senza freni: "Qualche cretino all'Ars. Alcuni abituati ad ex governatori seminudi" :ilSicilia.it

il governatore alla convention di cefalù

Musumeci senza freni: “Qualche cretino all’Ars. Alcuni abituati ad ex governatori seminudi”

di
4 Luglio 2020

Burocrazia, sindacati e il lavoro silenzioso del governo sono stati le parole chiave dell’intervento finale del presidente Musumeci durante la convention di Diventerà Bellissima, a Cefalù.

“RESTEREMO ULTIMI”

“Non basteranno altri due anni e mezzo per rendere la Sicilia normale. Il mercato ci ha condannato a rimanere ultimi”. Numerose sono le stoccate del presidente sopra il palco a Cefalù davanti a si suoi sostenitori e politici di riferimento siciliani.

Crocetta al mare a TusaLA STOCCATA A CROCETTA

“Molti pensano che il nostro governo non stia facendo nulla. Ma i vecchi governi erano abituati a giochi d’artificio, coriandoli prime in tv. Come dargli torto se la gente era abituata a vedere ex presidenti della Regione semi nudi sulle spiagge mentre noi in silenzio lavoriamo per scavare in questa Sicilia e creare le fondamenta per la rinascita di questa terra”.

Il governatore tra gli applausi dà una stoccata anche a Palazzo dei Normanni e dice: “Possiamo anche restare soli possiamo anche andare prima a casa. Ma non tradirò mai la fiducia dei siciliani di chi mi ha sostenuto. Che lo sappiano a Palazzo dei Normanni”.

“QUALCHE CRETINO ALL’ARS”

Il governatore si rivolge poi “A qualche cretino dell’assemblea siciliana. Non ce ne sono tanti ma c’è una delegazione importante che si chiede: “Ma quando questa Terra diventerà Bellissima?”. Questo significa non avere capito le parole di Paolo Borsellino, che aveva detto che “un giorno questa terra Diventerà Bellissima”. Non esteticamente, ma interiormente, come fiducia nelle sue potenzialità. Certo… le strade che sono schifose. Ma non sono di responsabilità del governo regionale, ma di Roma”. 

“ANTIMAFIA A VOLTE PERICOLOSA QUANTO LA MAFIA”

“Il nostro slogan “Diventerà Bellissima” è perché in Sicilia c’è ancora speranza. Superare lo spirito del fatalismo e della rassegnazione. Dividere il bene dal male. La buona politica dalla malapolitica. Ma non la mafia dall’antimafia, perché a volte l’antimafia ha fatto i suoi danni in Sicilia”.

CONFRONTARSI COL CENTRO-DESTRA NAZIONALE

“Io non mi iscrivo a Fratelli di Italia, non alla Lega, né a Forza Italia. Ma ho il diritto di trovare una intesa con un partito nazionale. La diversità è una garanzia. Io discuto con tutti. Noi faremo la nostra scelta. Ma se un leader nazionale invita in modo particolare il movimento di Musumeci, io non ho difficoltà a discutere. Noi dobbiamo cercare l’intesa sugli obiettivi; dobbiamo delegare a difendere i nostri obiettivi e in Sardegna lo hanno già fatto. Prima di noi. Hanno fatto un patto federativo. Se ci sediamo intorno a un tavolo. Io ho il compito di difendere il nostro diritto a restare quello che siamo. Io parlerò con tutti i leader dei partiti del centro-destra nazionale. Ma state certi: la vita del nostro movimento non è messa in discussione”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin