19 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.48
Agrigento

contro gli allagamenti continui

Musumeci: “Serio pericolo alluvione a Licata”, progetto da 10 milioni contro dissesto fiume Salso

16 Novembre 2018

“L’abitato di Licata è costantemente esposto al pericolo di alluvione. Non si può continuare a far finta di non vedere o sapere”. Lo afferma il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, che ha coordinato un’apposita riunione nel Palazzo d’Orleans a Palermo, per individuare le opere da mettere in cantiere contro il dissesto idrogeologico, soprattutto per proteggere il quartiere Africano e la zona di Mollarella, soggetti ad allagamenti continui.

foce-del-salso
Foce del Fiume Salso

Oltre al sindaco Giuseppe Galanti, accompagnato da alcuni assessori comunali e da personale dell’Ufficio tecnico, erano presenti, per conto della Regione, anche il capo della Protezione civile Calogero Foti, il dirigente generale del Dipartimento tecnico Salvatore Lizzio, il responsabile dell’Ufficio contro il dissesto idrogeologico Maurizio Croce e l’ingegnere capo del Genio civile di Agrigento Duilio Alongi.

La soluzione individuata, si legge in una nota della Regione, prevede un progetto a medio termine per la sistemazione idraulica e risagomatura dell’alveo del fiume Salso e altri tre interventi da attuare, invece, a breve per la pulizia dei vari canali di scarico delle acque piovane intorno alla città, nei quali non viene effettuata la manutenzione da oltre dieci anni.

“La Regione – evidenzia il governatore – è consapevole dell’enorme vulnerabilità del territorio di Licata e per questo motivo vuole stare accanto all’amministrazione comunale. Interverremo con immediatezza dove sarà possibile, per rimuovere alcune situazioni di pericolo che possono mettere a repentaglio l’incolumità delle persone. Abbiamo pensato anche, a un progetto più ampio di protezione della città, che ha l’obiettivo principale di ridurre la portata di acqua, calmierando lo scarico alla foce”. 

Il fiume Salso
Il fiume Salso

Gli interventi decisi si aggiungono a quello già avviato oltre un mese fa dalla Regione, tramite il Genio civile, per la pulitura della foce del fiume. Un’opera grazie alla quale, ha sottolineato il sindaco Galanti durante la riunione, sono stati limitati i danni alla città in occasione dell’ultimo nubifragio.

In particolare, il progetto di risagomatura del fiume Salso, per un tratto di circa tre chilometri, verrà eseguito dagli Uffici del commissario per il dissesto idrogeologico (guidati dallo stesso governatore Musumeci) e a disposizione ci sono 10 milioni di euro del “Patto per il Sud”. Il cronoprogramma concordato prevede che entro dicembre il Comune presenti alla Regione uno studio di fattibilità, a seguito del quale, nei sei mesi successivi, si procederà con il progetto esecutivo.

Per quanto concerne, invece, le opere di ripulitura dei canali, già ieri c’è stato un sopralluogo congiunto dei tecnici del Genio civile di Agrigento, insieme a quelli del Comune, per individuare le zone più a rischio e sulle quali intervenire con lavori di somma urgenza che partiranno tra qualche giorno.

 

LEGGI ANCHE:

Rischio allagamenti, Musumeci: “Via a manutenzione di fiumi e torrenti prima dell’arrivo delle piogge”

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.