26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42

"I cantieri si devono chiudere entro il 2019"

Musumeci sollecita l’Anas a un maggiore impegno | VIDEO

6 Aprile 2018

 

“Ci aspettiamo un impegno maggiore nei finanziamenti, nella progettualità e nell’esecuzione dei lavori”.

Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, nel corso di una conferenza stampa congiunta con i vertici Anas, a Palazzo d’Orleans, a Palermo.

Abbiamo sollecitato l’Anas sui lavori dei 18 cantieri della Palermo-Catania. Ci è stato assicurato che a dicembre diventeranno 13 e che entro il 2019 nessuno sarà ancora aperto. Abbiamo sottoposto all’attenzione dell’azienda arterie come la Licodia Eubea-Libertinia per il completamento del tratto A. È previsto un costo di 120 milioni. Sulla stessa strada il completamento del tratto B fino all’allineamento alla 117 bis, con un costo di 180 milioni di euro. E l’intervento sulla statale 284 occidentale etnea per un progetto di ammodernamento. Interverremo sulla ss 626 che da Gela porta ad Agrigento e Castelvetrano e sul completamento della tangenziale di Gela. E poi gli investimenti per la SS121 per il tratto fino a Bolognetta.  Cominceremo l’analisi dei territori, a partire da quello Ennese”.

“Nelle strade provinciali saranno stanziati decine e decine di milioni di euro ed è un segnale importante che daremo alla viabilità della provincia di Enna che presenta una condizione desolante, poi passeremo alle altre province, a cominciare da Messina. Disponiamo dei fondi del Patto per il Sud e dovremmo chiedere al Governo centrale uno sforzo ulteriore”. 

Musumeci guarda poi al futuro dell’Anas e del Consorzio autostrade siciliane: “Fusione Cas-Anas? L’ipotesi non è tramontata, guardiamo a questa soluzione senza pregiudizio. Vorremmo sederci al tavolo con l’Anas sapendo di offrire un prodotto di qualità. Il ragionamento rimane aperto sapendo dell’importanza del prodotto e del risultato utile al mantenimento dell’efficienza della rete autostradale siciliana. Il Cas ha un nuovo vertice di alto livello”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, in conferenza stampa congiunta con l’amministratore delegato dell’Anas, Gianni Vittorio Armani, a Palazzo D’Orleans, a Palermo. “Le integrazioni si fanno in due – ha aggiunto Armani -. Attualmente il Cas è uno strumento non efficace. Con l’unificazione ci sarebbe la possibilità di finanziare investimenti in Sicilia, è una opportunità da cogliere. Diventerebbe il secondo soggetto dopo Autostrade per l’Italia”.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.