13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.09
caronte manchette
caronte manchette

il governatore invita al garantismo

Musumeci sul caso Montante: “L’industria dell’antimafia deve chiudere i battenti”

17 maggio 2018

Lasciamo lavorare la magistratura, però l’industria dell’antimafia in Sicilia deve chiudere i battenti: l’antimafia finta non può consentire anche in politica facili carriere, l’antimafia si predica nel dovere del silenzio, giorno dopo giorno“. Così il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, in merito all’inchiesta della Procura di Caltanissetta che ha portato ai domiciliari l’imprenditore, Antonello Montante, e che vede indagati, tra gli altri, anche l’ex Governatore Rosario Crocetta.

Rimango molto, molto amareggiato – aggiunge Musumeci a Palermo, a margine della presentazione del contratto di servizio tra la Regione e Trenitalia – e io sono stato uno tra i pochi politici che in Aula è andato in tribuna e ha denunciato la mafia dell’antimafia nel silenzio generale della stragrande maggioranza del Parlamento“.

Bisogna sempre essere attenti a non sbattere il mostro in prima pagina. Il Tribunale del riesame ha dichiarato che Gennuso (deputato regionale di Popolari e Autonomisti, ndr) non ha avuto alcun collegamento con le organizzazioni mafiose ma abbiamo tutti detto che il mostro c’era. Io sono garantista per cultura politica, attenti quando emettiamo sentenze, lo dico come criterio generale“.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Radiografia, Tac e Pet: tra nuove tecnologie e ars medica

L’attuale presidente della Società Italiana di Radiologia Medica, professore Roberto Grassi, ha dichiarato un po' di tempo fa che "Abbiamo bisogno di clinici che facciano i clinici, di medici che facciano i medici, perché in gioco non c’è solo spreco di risorse, ma anche la sicurezza dei pazienti, che devono essere esposti a radiazioni ionizzanti solo se veramente necessario".
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.