Musumeci sul governo Draghi: "E' anomalia politica e ne paga il prezzo" :ilSicilia.it

la dichiarazione del presidente della Regione

Musumeci sul governo Draghi: “E’ anomalia politica e ne paga il prezzo”

di
7 Ottobre 2021

Sono convinto che ci sia l’esigenza di un chiarimento all’interno di questa vasta coalizione che è la conferma del fallimento della politica“. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, nel corso di un intervento a Start su Sky Tg 24 parlando della situazione politica dell’esecutivo nazionale.

Il governo Draghi è un governo di emergenza nato perché il Parlamento non è stato capace di esprimere una maggioranza organica – aggiunge Musumeci – di solito quando accade questo si va al voto. Draghi paga il prezzo di una anomalia politica e io spero che si possa presto tornare alla normalità“.

Il presidente Musumeci si è espresso anche in merito alle ultime elezioni amministrative: “Per il centrodestra poteva andare meglio, e questo è un motivo di riflessione. Non c’è stata la Waterloo di cui si parla nel centrosinistra che per altro ha ben poco da cantare vittoria. Emerge una realtà amara: non si è più nelle condizioni di preparare una classe dirigente“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.