Musumeci sulla vittoria di Solinas in Sardegna: "Centrodestra modello vincente" :ilSicilia.it

Il commento del governatore

Musumeci sulla vittoria di Solinas in Sardegna: “Centrodestra modello vincente”

di
26 Febbraio 2019

L’elezione del presidente Solinas, cui rivolgo il più sincero augurio di buon lavoro, rappresenta l’ennesima dimostrazione di come il centrodestra, aperto ai territori, sia un modello vincente. Forse l’unico davvero innovativo e vincente“: lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, commentando l’esito delle elezioni regionali in Sardegna.

Spero di incontrare presto il neo presidente della Regione Sardegna – ha affermato il governatore – perché abbiamo molto da condividere, nella trattativa con Roma e con la Ue, sulle politiche per l’insularità e sul rapporto tra le Regioni a Statuto speciale e lo Stato, in un momento di forti trasformazioni che ci devono vedere protagonisti“.

Riferendosi al dibattito post-congressuale del suo movimento, #DiventeràBellissima, ha poi aggiunto: “In queste due giornate, dopo il congresso della scorsa domenica, mi è capitato di leggere di tutto e di più. E mentre noi, in Sicilia, dibattevamo sul modello organizzativo e sulla linea politica da dare al nostro movimento, proprio in Sardegna, quasi a conferma delle nostre tesi, si determinava l’ennesimo successo della coalizione, di quella coalizione così come l’avevamo pensata noi nel novembre del 2017“.

Oggi, da presidente della Regione, – continua il governatore – ribadisco il mio ruolo di garante di tutte le forze politiche che mi sostengono e il mio unico desidero di lavorare al servizio dei siciliani, senza farmi cogliere da nessuna distrazione. Sarà difficile accettarlo e, forse, per alcuni sarà persino difficile comprenderlo: quando auguro alle forze politiche della coalizione, a tutte e nessuna esclusa, di raggiungere i migliori traguardi alle imminenti elezioni europee, desidero esplicitare e rendere palese quanto ho già detto al momento del mio insediamento: il compito del presidente della Regione è lavorare infaticabilmente – ha concluso – per dare a ogni siciliano la speranza di un futuro diverso“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin