Musumeci vuole creare un nuovo partito di moderati per aggregare "a sinistra di Salvini" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

grandi manovre della politica siciliana

Musumeci vuole creare un nuovo partito di moderati per aggregare “a sinistra di Salvini”

di
28 Maggio 2019

Il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci sta pensando a un nuovo partito. Non è una novità, ma adesso, dopo le europee, questo progetto potrebbe subire un’accelerazione.

Quel che non è chiaro è chi dovrebbe far parte della costituenda nuova formazione politica, che si collocherà comunque nel centrodestra. Lo stesso governatore in più di un’occasione ha affermato che dovrebbe trattarsi di un movimento di moderati. Lo aveva fatto per la prima volta nel febbraio di quest’anno nel suo intervento al congresso del movimento #Diventeràbellissima e lo ha poi ripetuto altre volte, trovando il plauso di vari esponenti centristi.

Adesso, torna alla carica con questo progetto, e questo, nonostante la forte affermazione della Lega in Sicilia, che anche in questa campagna elettorale non ha certo sposato tematiche moderate. Forse è per questo che, comunque, Musumeci non chiude la porta neanche alla Lega, a cui avrebbe chiesto di entrare in giunta a Palazzo d’Orleans, guardando – nonostante il raffreddamento dei rapporti nei mesi scorsi – ancora alla possibilità di federarsi con il Carroccio per il futuro, ovviamente nel caso in cui la sua proposta di un nuovo soggetto moderato non dovesse poi concretizzarsi. Un’ipotesi, quest’ultima di un patto federativo, che non è detto che trovi consenso e approvazione da parte della Lega, che dopo la recente tornata amministrativa e il successo alle europee, proseguirà con molta probabilità nel suo progetto di radicamento di una classe dirigente salviniana in Sicilia.

Il nuovo partito moderato auspicato dal governatore siciliano potrebbe, in pratica, aggregare pezzi di ex forzisti e di centro post democristiano in libera uscita dalle case madri, oltre ovviamente alla squadra di amministratori di “Diventerà bellissima”: “E’ da un anno – ha affermato oggi Musumeci – che ripetiamo che c’è la necessità di creare un nuovo soggetto moderato che possa interpretare una larga fascia che non va a votare e che non vuole stare né con la sinistra né col M5S”.

Questo spazio si può trovare alla sinistra di Salvini, perchè alla destra c’è lo 0,1 per cento. Dobbiamo mettere insieme quattro-cinque soggetti di culture, sensibilità e geografie diverse per capire se può nascere questo nuovo soggetto. Altrimenti si penserà – e nel mio partito prevale questa tesi – a fare un patto federativo con un soggetto già esistente“. 

LEGGI ANCHE:

Post-Europee, alla Regione Siciliana governo “Musumeci bis” con la Lega?

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti