Musumeci vuole un governo di legislatura: "Non si navighi a vista" :ilSicilia.it

Verso il nuovo governo

Musumeci vuole un governo di legislatura: “Non si navighi a vista”

di
27 Novembre 2017

Nello Musumeci dovrebbe varare nei prossimi giorni l’esecutivo regionale con cui il centrodestra torna alla guida della Sicilia. Dovrebbero mancare un paio di caselle da inserire e un nome ‘pesante’ da trovare da parte di Forza Italia, se, come pare, Paolo Inglese, docente universitario e tecnico, dovesse rinunciare alla poltrona dell’Agricoltura.

Per Musumeci la sfida rimane ardua. Svaria dai numeri del bilancio della Regione, in cui si è passati dalle certezze del governatore uscente Rosario Crocetta all’operazione verità annunciata dal vicepresidente Gaetano Armao, con lo stesso Musumeci poco rassicurante sulla tenuta oggi dei conti, al riordino della macchina burocratica.

Dalla Sanità, dove, piano di rientro a parte, sui livelli essenziali di assistenza in poco più di un anno, classifiche del ministero alla mano, la Sicilia ha perso posizioni importanti, alle società partecipate che, insieme alla questione sulle ex Province, incrociano la vicenda dei precari da stabilizzare.

Un elenco di prebende del passato, quello dei precari, che la politica, anche nel centrodestra in precedenza, non ha mai saputo (voluto) risolvere del tutto.

Musumeci sabato non ha partecipato al vertice di maggioranza del centrodestra svoltosi presso un agriturismo a Scillato in cui hanno preso parte i leader regionali dei partiti dello schieramento. Erano presenti: Gianfranco Miccichè per Forza Italia, Angelo Attaguile e Alessandro Pagano per Noi con Salvini, Giampiero Cannella e Sandro Pappalardo per Fratelli d’Italia, Saverio Romano per Cantiere popolare, Carmelo Lo Monte e Roberto Di Mauro per gli autonomisti, e Antonio De Poli per l’Udc.

Lo ha fatto per un pario di ragioni. La prima legata al fatto che il vertice era più connesso con le dinamiche, accordi più o meno larghi e traversali compresi, che dovranno portare all’elezione del nuovo presidente dell’Ars.

La seconda dovuta al fatto che i primi discorsi sulle proiezioni delle prossimi elezioni Politiche di marzo, al centro della riunione, potrebbero essere il preambolo di una serie di partenze dalla Sicilia per Roma, di alcuni esponenti che oggi gravitano anche all’interno del perimetro di governo del centrodestra.

Due nomi tra tutti, quello di Vittorio Sgarbi, assessore ai Beni culturali e quello di Gaetano Armao, vicepresidente della Regione e assessore all’Economia.

Il primo, smentite a parte, e annunci a base del diretto interessato di grande buona volontà a servizio della Regione, potrebbe realmente andare a Roma, con un ruolo di governo o anche un seggio, (forse un collegio in Sicilia?) dopo aver completato, in ogni caso, una start up di idee e un percorso iniziale che altri potranno portare a compimento nel settore dei Beni culturali, nei prossimi cinque anni.

Discorso diverso invece riguarda Gaetano Armao, punto d’equilibrio e di sintesi all’interno della coalizione, non solo con Forza Italia. Armao, che fu assessore di Lombardo, è ben visto anche dagli autonomisti e il suo ruolo nella giunta, a differenza del passato, non sarà solo quello di un tecnico prestato alla politica.

Solo nel caso dunque che sia lo stesso docente universitario e avvocato palermitano  a voler provare l’avventura romana, si metterebbe mano al secondo ritocco in giunta.

Anche perché essenzialmente Musumeci non vuol correre il rischio di fornire un’immagine sgretolata  e di giunte sottoposte a continui rimpasti.

I 48 assessori di Crocetta in cinque anni potrebbero essere dunque un ricordo, ma affinché ciò accada, occorre una tenuta fondo e una stabilità di maggioranza che dia al nuovo presidente della Regione la possibilità di tradurre gli auspici in fatti. E in assessori che rimangono al loro posto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin