Mutui in Sicilia, in crescita le richieste | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Secondo i dati rilevati dal Barometro Crif l'incremento nell'Isola è del 15,6% rispetto al 2015

Mutui in Sicilia, in crescita le richieste

di
24 Gennaio 2017

mutui-in-siciliaCresce nel 2016 il numero di interrogazioni relative alle richieste di surroghe e nuovi mutui in Sicilia. Un incremento del +15,6% rispetto al 2015, superiore alla crescita media registrata a livello nazionale che è risultata essere pari a +13,3%.
E’ quanto emerge dal Barometro Crif relativo all’andamento della richiesta di mutui e prestiti da parte delle famiglie italiane, aggiornato a dicembre 2016.

Le province che hanno fatto segnare l’incremento piu’ sostenuto in regione sono state Enna e Trapani, rispettivamente con un incremento pari a +34,1% e +20,5%, seguite da Messina, Catania, Siracusa, Palermo e Agrigento rispettivamente con +17%, +16,3%, +15,2%, +14,4% e +14,2%. Caltanissetta, invece, ha fatto registrare un aumento pari a +11,2% rispetto al 2015. All’estremo opposto della graduatoria regionale si colloca Ragusa, con una crescita piu’ contenuta, pari a +7,4%. Relativamente agli importi medi, e’ invece la provincia di Palermo a guidare la classifica regionale, con 119.058 euro, seguita a breve distanza da Catania, con 114.395 euro. Il valore medio piu’ contenuto, al contrario, e’ quello rilevato nella provincia di Trapani, con 93.969 euro.

Per quanto riguarda il numero di interrogazioni relative alle richieste di prestiti finalizzati all’acquisto di beni/servizi (quali auto e moto, arredo, elettronica ed elettrodomestici, ma anche viaggi, spese mediche, palestre ecc.), la Sicilia ha fatto segnare nel 2016 una crescita pari al 2,6% rispetto al 2015, piu’ contenuta rispetto alla variazione rilevata a livello nazionale pari all’8,2%. Scendendo maggiormente nel dettaglio, Enna guida il ranking regionale con un aumento del +11,3%, seguita da Agrigento (+8,2%) e Caltanissetta (+6,7%). Al contrario Palermo e Ragusa, sono state le uniche province in regione ad aver fatto segnare una contrazione, registrando -0,3%. In termini di importo, invece, la media per i prestiti finalizzati in regione e’ stata pari a 4.249 euro, con tutte le province che hanno fatto registrare una crescita significativa rispetto al 2015. Con 5.108 euro richiesti Messina e’ stata la provincia ad aver fatto rilevare l’importo medio piu’ consistente, seguita da Ragusa dove l’importo medio si e’ assestato a 5.010 euro. L’importo medio piu’ contenuto, invece, e’ stato registrato a Palermo, con 3.876 euro.

Per i prestiti personali al contrario nell’anno appena concluso la Sicilia ha fatto registrare un decremento, seppur lieve, nel numero di richieste rilevate, pari al -0,3% rispetto l’anno 2015, in contro tendenza rispetto al trend incrementale rilevato a livello nazionale (+6,2%). In Regione Enna e’ risultata la provincia con la crescita piu’ consistente, con un +2% rispetto al 2015, seguita da Caltanissetta (+1,9%) e Catania (+0,5%). All’estremo opposto della classifica regionale si e’ collocata Agrigento, che ha registrato un -4,4%. Infine, per quanto riguarda l’importo medio dei prestiti personali, con 12.686 euro Agrigento si e’ posizionata al primo posto in regione. All’estremo opposto si colloca Enna, con 11.485 euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin