Nasce il marchio collettivo “Parco dell’Etna” CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Catania

l'evento

Nasce il marchio collettivo “Parco dell’Etna” CLICCA PER IL VIDEO

di
23 Dicembre 2021

CLICCA IN ALTO PER IL VIDEO

Uno strumento di appartenenza e valorizzazione del territorio per coniugare la crescita economica con l’individuazione di soggetti alleati nel proseguimento dei fini istituzionali del Parco e del suo Ente di gestione. Con questo intento nasce l’idea del nuovo marchio collettivo Parco dell’Etna.

Il marchio collettivo sarà realizzato entro il 2022 – commenta il presidente del Parco Carlo Caputo nasce con l’obiettivo di identificare, patrocinare e tutelare la collettività operante all’interno del’Area del Parco. Grazie a un nuovo logo e a inediti programmi strategici e di sviluppo, Parco dell’Etna riunirà sotto un’unica voce le realtà del suo territorio: aziende, persone, prodotti e servizi accomunati dalla volontà di salvaguardare valori ambientali, tradizioni e processi sostenibili che contribuiranno alla crescita e all’eccellenza di un’area dal valore inestimabile”.

Una sfida quella di Caputo che sin dal suo insediamento ha dato una scossa per fare del vulcano attivo più alto d’Europa non solo un sito di richiamo turistico, ma puntando anche su un altro percorso che vede la realizzazione e il riconoscimento di un vero e proprio marchio collettivo Parco dell’Etna.

In questa direzione – continua Caputo – sono state stipulate due convenzioni che hanno aperto ufficialmente la strada a questo nuovo progetto: la prima tra il Parco e l’Accademia delle Belle arti che ha curato l’ideazione grafica del marchio. Il Parco dell’Etna finanzierà borse di studio agli studenti meritevoli. La seconda tra l’ente Parco e l’Università di Catania che affida al dipartimento di Giurisprudenza lo studio e la realizzazione del disciplinare e della normativa che regolamenteranno il marchio collettivo di qualità ambientale Parco dell’Etna”.

Tra le sfide che competono il Parco dell’Etna c’è anche quella di creare un rapporto di fiducia e di reciproca collaborazione con chi vive e opera all’interno del Parco, spesso percepito come insieme di limitazioni e divieti, più che di opportunità. L’utilizzazione del Marchio Collettivo come segno distintivo servirà infatti a contraddistinguere i prodotti e i servizi delle imprese in ragione della loro specifica provenienza, ma anche in funzione del livello di sinergia con la peculiari caratteristiche del territorio in cui operano. In questo senso il marchio dovrebbe subito richiamare nella mente dei consumatori e degli utenti non solo la provenienza o la collocazione geografica, ma anche concetti legati alla qualità dell’ambiente naturale e alla sostenibilità.

Per individuare – continua Caputo – le imprese che potranno beneficiare del marchio collettivo, e che dunque potranno essere considerate alleate dell’Ente gestore, bisogna innanzitutto tenere presente le finalità dell’Ente Parco, ovvero la protezione, conservazione e difesa del paesaggio e dell’ambiente naturale, la riqualificazione dei valori naturali presenti nell’ambito del Parco e la ricostituzione di quelli degradati, il corretto assetto e uso dei territori costituenti il Parco, programmando e progettando gli interventi finalizzati e realizzando le relative opere direttamente o mediante delega ai Comuni interessati, indispensabile anche per il miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni residenti, promuovendo lo sviluppo delle attività produttive e lavorative tradizionali, I’uso sociale e pubblico dei beni ambientali, favorendo le attività culturali e ricreative, nonché quelle turistiche e sportive compatibili con le esigenze prioritarie di tutela”.

L’Ente Parco – continua Caputo – ha una competenza unica e specifica nei confronti del mantenimento e del miglioramento della qualità ambientale del territorio. Ha senso dunque che limiti la concessione del marchio a chi lo aiuta a rispettare i propri fini istitutivi, ovvero a chi persegue o si impegna a perseguire  obiettivi di sostenibilità in comune con l’Ente gestore. Ciò vuol dire che concessionari del marchio potranno essere solo coloro che fanno qualcosa che va nella stessa direzione della politica del Parco, sulla base di criteri chiari e condivisi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.