5 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.48
Palermo

Presentazione nella sede del partito

Nasce la scuola di formazione politica della Lega in Sicilia: “Noi alternativi al passato” | videointerviste

9 Aprile 2019

Guarda le video interviste in alto

Il sottosegretario all’Interno Stefano Candiani, commissario regionale della Lega in Sicilia, ha presentato a Palermo la scuola di formazione politica del Carroccio. In via Wagner, sede del partito, insieme al senatore, c’erano anche i responsabili Enti locali della Lega in Sicilia Igor Gelarda e Fabio Cantarella, il presidente del circolo di Palermo Giovanni Callea e il candidato sindaco a Gela Giuseppe Spata.

Una scuola quadri, come l’ha definita Candiani, che si occuperà di formare giovani amministratori e aspiranti tali in diversi ambiti dell’attività politica, con uno specifico legame con il territorio siciliano. Tra i docenti, ministri, sottosegretari e parlamentari della Lega oltre che opinion leader. Saranno sei gli incontri formativi. Tanti i temi che verranno trattati: si parlerà di politica e Stato, di autonomia, di Unione Europea, di enti locali, di economia, fisco e politiche del lavoro e di comunicazione, social media e sondaggi. La scuola sarà diretta dal presidente del circolo Lega Palermo Giovanni Callea, esperto di marketing e comunicazione e in passato ideatore e direttore artistico del “Kals’art”.

Vogliamo proporre alla Sicilia il nostro modello di amministrazione e gestione delle istituzioni, sperimentato, con riscontri più che positivi, in molti territori– afferma Candiani – L’obiettivo è quello di far conoscere come funziona il sistema politico amministrativo ed economico ai futuri amministratori, attraverso il racconto e l’esperienza di professionisti. La Sicilia ha grandi potenzialità che devono però essere tirate fuori e valorizzate da una classe dirigente preparata – conclude Candiani –, in alternativa all’attuale sistema farraginoso che governa la Regione da decenni“.

Formeremo le nuove classi dirigenti della Lega del futuro – ha detto Igor Gelarda –, quelle che, sono certo, garantiranno lo sviluppo della nostra terra. Questa è la risposta a chi pensava che la Lega in Sicilia cercasse solo voti o stesse attuando soltanto un’operazione mediatica. Il nostro – afferma il consigliere comunale – è un investimento a medio-lungo termine“.

La mia presenza oggi a Palermo – ha aggiunto Fabio Cantarella, assessore al comune di Catania – è la testimonianza che la scuola di politica è un progetto che interessa tutta l’Isola e rappresenta il percorso virtuoso di costruzione della classe dirigente in Sicilia. Abbiamo bisogno di selezionare e mettere a fuoco le competenze per restituire valore al merito”.

Intanto è stata confermata la visita di Matteo Salvini in Sicilia. Come ha annunciato Candiani, il ministro dell’Interno sarà nell’Isola il 25 e il 26 aprile.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Decidere in quale corteo sfilare

Il 19 Luglio ci rammenterà che cosa significa essere servitore dello Stato anche quando questo sembra dimenticarsi di te. Grande ammirazione per un comandante che fa il suo dovere e va avanti per il suo credo nella sua rotta.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.