La scuola di formazione politica della Lega in Sicilia: "Noi alternativi al passato" | videointervista :ilSicilia.it
Palermo

Presentazione nella sede del partito

Nasce la scuola di formazione politica della Lega in Sicilia: “Noi alternativi al passato” | videointerviste

di
9 Aprile 2019

Guarda le video interviste in alto

Il sottosegretario all’Interno Stefano Candiani, commissario regionale della Lega in Sicilia, ha presentato a Palermo la scuola di formazione politica del Carroccio. In via Wagner, sede del partito, insieme al senatore, c’erano anche i responsabili Enti locali della Lega in Sicilia Igor Gelarda e Fabio Cantarella, il presidente del circolo di Palermo Giovanni Callea e il candidato sindaco a Gela Giuseppe Spata.

Una scuola quadri, come l’ha definita Candiani, che si occuperà di formare giovani amministratori e aspiranti tali in diversi ambiti dell’attività politica, con uno specifico legame con il territorio siciliano. Tra i docenti, ministri, sottosegretari e parlamentari della Lega oltre che opinion leader. Saranno sei gli incontri formativi. Tanti i temi che verranno trattati: si parlerà di politica e Stato, di autonomia, di Unione Europea, di enti locali, di economia, fisco e politiche del lavoro e di comunicazione, social media e sondaggi. La scuola sarà diretta dal presidente del circolo Lega Palermo Giovanni Callea, esperto di marketing e comunicazione e in passato ideatore e direttore artistico del “Kals’art”.

Vogliamo proporre alla Sicilia il nostro modello di amministrazione e gestione delle istituzioni, sperimentato, con riscontri più che positivi, in molti territori– afferma Candiani – L’obiettivo è quello di far conoscere come funziona il sistema politico amministrativo ed economico ai futuri amministratori, attraverso il racconto e l’esperienza di professionisti. La Sicilia ha grandi potenzialità che devono però essere tirate fuori e valorizzate da una classe dirigente preparata – conclude Candiani –, in alternativa all’attuale sistema farraginoso che governa la Regione da decenni“.

Formeremo le nuove classi dirigenti della Lega del futuro – ha detto Igor Gelarda –, quelle che, sono certo, garantiranno lo sviluppo della nostra terra. Questa è la risposta a chi pensava che la Lega in Sicilia cercasse solo voti o stesse attuando soltanto un’operazione mediatica. Il nostro – afferma il consigliere comunale – è un investimento a medio-lungo termine“.

La mia presenza oggi a Palermo – ha aggiunto Fabio Cantarella, assessore al comune di Catania – è la testimonianza che la scuola di politica è un progetto che interessa tutta l’Isola e rappresenta il percorso virtuoso di costruzione della classe dirigente in Sicilia. Abbiamo bisogno di selezionare e mettere a fuoco le competenze per restituire valore al merito”.

Intanto è stata confermata la visita di Matteo Salvini in Sicilia. Come ha annunciato Candiani, il ministro dell’Interno sarà nell’Isola il 25 e il 26 aprile.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.