Naspi finita: inizia l'inverno più difficile per i lavoratori del turismo e commercio :ilSicilia.it
Messina

Fisascat Cisl delusa dal Governo

Naspi finita: inizia l’inverno più difficile per i lavoratori del turismo e commercio

di
15 Gennaio 2019

“Lo avevamo detto e preannunciato, purtroppo inascoltati, e quando siamo ormai a metà gennaio ora siamo di fronte ad un inverno di vera emergenza economica e sociale per migliaia di lavoratori del settore turismo, commercio e servizi che per la quasi totalità hanno terminato di percepire la Naspi. Come faranno da qui a maggio?”. A rilanciare il problema con un eloquente interrogativo è il segretario regionale aggiunto della Fisascat Cisl, Pancrazio Di Leo, che torna ad evidenziare la situazione critica di tanti lavoratori del comparto turistico che dopo due settimane del nuovo anno si trovano già al capolinea del periodo di percepimento della Naspi e dovranno attendere la primavera, quando cioè inizierà la prossima stagione turistica, per tornare a lavorare e quindi percepire un compenso.

I lavoratori per la quasi totalità hanno concluso il periodo di percepimento della Naspispiega Di Leo – e chi ha lavorato per 6 mesi aveva diritto a tre mesi di indennità di disoccupazione e quei 90 giorni sono ormai finiti. A questo punto le migliaia di lavoratori che operano sia nell’alberghiero che nel commercio si trovano senza un’indennità e senza un lavoro. I lavoratori rimangono in attesa di quella riforma che il Governo non ha attuato. Il problema è di carattere nazionale ma si ripercuote soprattutto sui territori come questo dove si vive di turismo. Si parla di circa 15 mila persone che tra turismo, commercio e servizi nell’intera zona ionica della provincia di Messina si trovano costretti a vivere un inverno di grande difficoltà economica e sociale”.

Il problema stavolta si è fatto ancora più pesantecontinua Di Leo – perché negli anni passati si era partiti con la Naspi da 6 mesi e poi con una deroga era stato possibile per due anni far percepire ai lavoratori 4 mesi. I lavoratori sono rimasti sino all’ultima in attesa di un’adeguata rimodulazione della Naspi che ad oggi purtroppo non si è verificata.  Non viene considerata nei termini giusti questa emergenza e i lavoratori dovranno affrontare insieme alle loro famiglie tre-quattro mesi di evidente difficoltà prima che poi abbia inizio la nuova stagione turistica. In un territorio come Taormina e l’hinterland dove ci sarebbero tutte le condizioni possibili e le potenzialità per allungare la stagione turistica, invece, quella stessa stagione si va sempre più dimezzando e questo non è accettabile”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin