Naspi finita: inizia l'inverno più difficile per i lavoratori del turismo e commercio :ilSicilia.it
Messina

Fisascat Cisl delusa dal Governo

Naspi finita: inizia l’inverno più difficile per i lavoratori del turismo e commercio

15 Gennaio 2019

“Lo avevamo detto e preannunciato, purtroppo inascoltati, e quando siamo ormai a metà gennaio ora siamo di fronte ad un inverno di vera emergenza economica e sociale per migliaia di lavoratori del settore turismo, commercio e servizi che per la quasi totalità hanno terminato di percepire la Naspi. Come faranno da qui a maggio?”. A rilanciare il problema con un eloquente interrogativo è il segretario regionale aggiunto della Fisascat Cisl, Pancrazio Di Leo, che torna ad evidenziare la situazione critica di tanti lavoratori del comparto turistico che dopo due settimane del nuovo anno si trovano già al capolinea del periodo di percepimento della Naspi e dovranno attendere la primavera, quando cioè inizierà la prossima stagione turistica, per tornare a lavorare e quindi percepire un compenso.

I lavoratori per la quasi totalità hanno concluso il periodo di percepimento della Naspispiega Di Leo – e chi ha lavorato per 6 mesi aveva diritto a tre mesi di indennità di disoccupazione e quei 90 giorni sono ormai finiti. A questo punto le migliaia di lavoratori che operano sia nell’alberghiero che nel commercio si trovano senza un’indennità e senza un lavoro. I lavoratori rimangono in attesa di quella riforma che il Governo non ha attuato. Il problema è di carattere nazionale ma si ripercuote soprattutto sui territori come questo dove si vive di turismo. Si parla di circa 15 mila persone che tra turismo, commercio e servizi nell’intera zona ionica della provincia di Messina si trovano costretti a vivere un inverno di grande difficoltà economica e sociale”.

Il problema stavolta si è fatto ancora più pesantecontinua Di Leo – perché negli anni passati si era partiti con la Naspi da 6 mesi e poi con una deroga era stato possibile per due anni far percepire ai lavoratori 4 mesi. I lavoratori sono rimasti sino all’ultima in attesa di un’adeguata rimodulazione della Naspi che ad oggi purtroppo non si è verificata.  Non viene considerata nei termini giusti questa emergenza e i lavoratori dovranno affrontare insieme alle loro famiglie tre-quattro mesi di evidente difficoltà prima che poi abbia inizio la nuova stagione turistica. In un territorio come Taormina e l’hinterland dove ci sarebbero tutte le condizioni possibili e le potenzialità per allungare la stagione turistica, invece, quella stessa stagione si va sempre più dimezzando e questo non è accettabile”.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.