Nassiriya, risarcimento alle famiglie. Intravaia: "Mio padre sapeva di dover morire" :ilSicilia.it
Palermo

Arriva la sentenza di condanna dell'ex generale che "sottovalutò il pericolo"

Nassiriya, risarcimento alle famiglie. Intravaia: “Mio padre sapeva di dover morire”

di
14 Febbraio 2017

«Mio padre, così come gli altri suoi commilitoni impegnati nella missione internazionale di pace a Nassiriya, sapeva di dover morire ed era consapevole di quello che poi, purtroppo, sarebbe successo». Lo afferma Marco Intravaia, figlio di una delle vittime dell’attentato a Nassiriya, Domenico, monrealese, vicebrigadiere dei carabinieri, a proposito della sentenza della prima sezione civile della Corte d’Appello di Roma che ha condannato l’ex generale Bruno Stano, all’epoca comandante della missione, a risarcire le famiglie delle vittime perché sottovalutò il pericolo dell’attentato in Iraq del 12 novembre 2003.

Domenico Intravaia
Domenico Intravaia (ANSA)

«Questa sentenza – prosegue Intravaia – conferma oggi quello che noi familiari sapevamo da tempo e cioè che i nostri militari a Nassiriya erano e si sentivano dei “morti viventi” perché sapevano che erano stati ignorati diversi “warning” dei servizi segreti non solo italiani, ma anche inglesi ed americani, che annunciavano l’attentato da parte dei terroristi e che erano ormai condannati a morte. E che mio padre e gli altri suoi compagni fossero molto preoccupati e che non vivessero tranquilli lo si capiva dal tono della voce, anche se lui non ha mai esternato a noi familiari le sue preoccupazioni”.

 

“Che oggi si parli ancora di questa terribile vicenda – dice ancora Marco – non fa altro che amplificare il nostro dolore e ribadire, ancora una volta, il senso dello Stato di uomini come mio padre e dei suoi compagni che, pur sapendo di essere condannati, sono rimasti fino all’ultimo a compiere il loro dovere, fedeli fini alla morte al giuramento prestato alla nostra amata Repubblica. La mia famiglia, durante questi anni, pur conoscendo questa triste ed amara verità – conclude Marco Intravaia – ha sempre mostrato grande rispetto delle istituzioni e continuerà a farlo, sempre. Non abbiamo mai fatto polemiche e non ne faremo nemmeno adesso. Ci aggrapperemo ben saldi a quei valori che mio padre ci ha trasmesso e ci ha lasciato in eredità, ricordandolo non come un eroe, ma come un umile, ma grandissimo servitore dello Stato».

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin