Nastri d'Argento: in corsa i siciliani Ficarra e Picone, Lucia Sardo e Daniele Ciprì :ilSicilia.it

le nomine in streaming per il covid-19

Nastri d’Argento: in corsa i siciliani Ficarra e Picone, Lucia Sardo e Daniele Ciprì

di
28 Maggio 2020

Sono stati annunciati in diretta streaming dal Museo Maxxi di Roma i candidati ai Nastri d’Argento per l’edizione 2020.

E tra gli altri – così come è stato per l’ultima edizione della cerimonia del David di Donatello – sono  diversi gli attori siciliani in corsa per il premio attribuito dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, che attestano le migliori perfomances del cinema italiano (miglior film, autore, interprete, produttori e tecnici).

Tra questi Lucia Sardo, in corsa con il film “Picciridda – Con i piedi nella sabbia“, tratto dal romanzo di Catena Fiorello, per la regia di palermitano Paolo Licata, al suo debutto.

Già candidato al premio Globo d’Oro, il film è stato presentato lo scorso anno al Festival del Cinema di Taormina, dove ha ricevuto il Cariddi d’Argento per la sceneggiatura e due menzioni speciali per la Sardo e la giovane Marta Castiglia.

In corsa per i Nastri d’Argento anche Salvo Ficarra e Valentino Picone con il loro film “Il primo Natale“, con il quale hanno già ricevuto il David dello spettatore.

In questo caso sono candidati come Migliore Commedia, Miglior produttore (Attilio De Razza, Tramp limited, Giampaolo Letta, Medusa) e Migliore Fotografia, con la presenza di Daniele Ciprì, altro fresco vincitore di David con “Il primo re“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.