Nastri d'Argento: in corsa i siciliani Ficarra e Picone, Lucia Sardo e Daniele Ciprì :ilSicilia.it
Banner Bibo

le nomine in streaming per il covid-19

Nastri d’Argento: in corsa i siciliani Ficarra e Picone, Lucia Sardo e Daniele Ciprì

di
28 Maggio 2020

Sono stati annunciati in diretta streaming dal Museo Maxxi di Roma i candidati ai Nastri d’Argento per l’edizione 2020.

E tra gli altri – così come è stato per l’ultima edizione della cerimonia del David di Donatello – sono  diversi gli attori siciliani in corsa per il premio attribuito dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, che attestano le migliori perfomances del cinema italiano (miglior film, autore, interprete, produttori e tecnici).

Tra questi Lucia Sardo, in corsa con il film “Picciridda – Con i piedi nella sabbia“, tratto dal romanzo di Catena Fiorello, per la regia di palermitano Paolo Licata, al suo debutto.

Già candidato al premio Globo d’Oro, il film è stato presentato lo scorso anno al Festival del Cinema di Taormina, dove ha ricevuto il Cariddi d’Argento per la sceneggiatura e due menzioni speciali per la Sardo e la giovane Marta Castiglia.

In corsa per i Nastri d’Argento anche Salvo Ficarra e Valentino Picone con il loro film “Il primo Natale“, con il quale hanno già ricevuto il David dello spettatore.

In questo caso sono candidati come Migliore Commedia, Miglior produttore (Attilio De Razza, Tramp limited, Giampaolo Letta, Medusa) e Migliore Fotografia, con la presenza di Daniele Ciprì, altro fresco vincitore di David con “Il primo re“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin