Natale e Castelli di Sicilia: 19 idee per trascorrere le feste tra le bellezze del territorio | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Natale e Castelli di Sicilia: 19 idee per trascorrere le feste tra le bellezze del territorio

di
25 Dicembre 2021

Indecisi su dove trascorrere le vacanze di Natale? Vi proponiamo un itinerario tra i Castelli di Sicilia alla scoperta di 19 tra i borghi più belli dell’Isola. Natura, storia, cultura, tradizioni locali uniti a buon cibo e ospitalità, vi accompagneranno in un viaggio ricco di sorprese.

Il periodo natalizio, è l’ideale per mettersi in viaggio. La bellezza unica di queste realtà siciliane accomunate dal fascino di un antico maniero, diventa quasi un’ esperienza turistica rara. Luci, presepi viventi, sagre, musiche, canti e mercatini di Natale, li trasformano in luoghi da favola.

Ecco quindi 19 comuni siciliani da visitare almeno una volta nella vita, insieme ai loro castelli e, soprattutto, insieme ai loro abitanti. Per saperne di più, collegatevi al sito https://castellidisicilia.it/Qui troverete, mappe, orari, materiale multimediale, curiosità e tanto altro. Alcune iniziative, elencate qui di seguito, potrebbero subire cambiamenti in relazione all’emergenza Covid. Per questo, per ottenere maggiori informazioni, vi invitiamo a consultare le pagine istituzionali relative al luogo che più vi ha incuriosito.

1) CARINI (PA)

Castello di Carini

Per Natale si presenta un progetto sul turismo esperienziale che serve a valorizzare il castello e il borgo medievale e che coinvolge tutta la popolazione. Tutti diventeranno attori e promuoveranno le arti e i mestieri che oggi stanno scomparendo ma che una volta erano l’attività primaria del territorio. Sarà un’occasione per conoscere e gustare i prodotti tipici carinesi: fichi secchi, miele di fichi secchi (che non ha storia in Sicilia ma si trova solo a Carini), i pomodori secchi, “u strattu”. Ci sarà spazio anche alla creatività con delle varianti proposte dai ristoratori impegnati in cooking class. Dal 16 dicembre al 6 gennaio 2022, non perdetevi il ricco calendario di eventi de “La magia del Natale”

https://www.comune.carini.pa.it/carini/po/mostra_news.php?id=123&area=H

2) MONTELEPRE (PA)

Visitate il Villaggio degli Elfi, Il Presepe vivente, concerti e la Sagra della Sfincia. Montelepre a Natale diventa un vero e proprio presepe a cielo aperto. Il borgo si riempie di luci, di decorazioni. Inoltre, si è diffusa l’usanza di crearne alcune

Castello di Montelepre

con prodotti riciclati. A realizzarle, bambini e associazioni del territorio. Godetevi una passeggiata per il corso e respirate l’aria natalizia che rende Montelepre ancora più bella in questo periodo dell’anno.

http://www.montelepre.gov.it/

 

3) CASTELBUONO (PA)

Castello di Castelbuono

Il Comune propone una serie di iniziative: Dolcemente Castelbuono, giunto alla sua terza edizione, i mercatini natalizi in collaborazione con l’associazione ManualMente, “Castelbuono è una Favola Winter” , “A Vecchia” ,una tradizione tipica del Natale castelbuonese. Il tutto accompagnato dalla banda musicale che allieterà i giorni di Natale.

https://www.comune.castelbuono.pa.it/castelbuono/hh/index.php

 

 

4) COLLESANO (PA)

Castello di Collesano

Grande attesa per “A Vecchia” per l’Epifania, poi un concerto natalizio nella basilica e la tradizione che vede le famiglie di Collesano impegnate nella realizzazione dei presepi. Infine, una manifestazione con protagonisti i dolci natalizi, dai i buccellati ai biscotti di Santa Lucia, i cosiddetti “Ucchialeddi”, biscotti a forma di occhi che ricordano il simbolo del martirio della Santa.

https://www.comune.collesano.pa.it/_site/index.php

 

5) CASTRONOVO DI SICILIA (PA)

Castello di Castronovo di Sicilia

Musica gospel, tombole collettive e la novena delle cappelle. Oltre a quella che si celebra in chiesa, potreste partecipare a quella itinerante per le edicole votive di Castronovo, addobbate con rami di arancio selvatico insieme a un piccolo nucleo della banda. Ogni famiglia preparerà i dolci tipici, i “pastizzotti” da condividere con i visitatori. Dubbi su dove alloggiare? A Castronovo è presente la cosiddetta ospitalità diffusa.

https://www.comune.castronovodisicilia.pa.it/

 

 

6) VICARI (PA)

Castello di Vicari

Lasciatevi incantare da questo borgo che per diversi anni è stato luogo di un tradizionale presepe vivente. L’installazione delle luci di Natale e l’accoglienza dei suoi abitanti , vi porteranno in un’ atmosfera magica. Infine, che Natale sarebbe senza musica? Rimarrete senza fiato scoprendo un lato artistico di Vicari con i suoi tamburelli a cornice e le sue cornamuse realizzate artigianalmente che, con le loro melodie tipiche e la loro storia, renderanno unica la vostra esperienza!

pagina

 

7) CASTELLACCIO DI MONREALE (PA)

Castellaccio di Monreale

I soci del Club Alpino Siciliano vi accompagneranno a 780 metri per coinvolgervi in una tradizione dei soci che si svolge il 26 dicembre, ovvero “a scalata ri panza” solitamente fatta a Monte Pellegrino ma, che vedremo di proporre al Castellaccio. E’ un’iniziativa molto divertente e il posto lo merita.

https://www.clubalpinosiciliano.it/?cat=35

 

 

8) MARINEO (PA)

Castello di Marineo

Il presepe vivente nella piazza del castello, nel giardinetto del castello e negli ambienti limitrofi. E’ uno scenario di bellezza incomparabile perché lo si rappresenta con il tipico allestimento rinascimentale, epoca in cui il paese è stato fondato.

https://www.comune.marineo.pa.it/

 

 

 

 

 

9) CACCAMO (PA)

Castello di Caccamo

Realizzato un presepe vivente o al castello o tra le vie del borgo. Lasciatevi incantare grande albero con una struttura in ferro realizzato da un artigiano caccamese e decorato con 1500 mattonelle realizzate all’uncinetto da alcune donne di Caccamo che hanno partecipato a un progetto a loro dedicato.

Area Civica

10) SALEMI (TP)

Castello di Salemi

Tradizionalmente il Natale di Salemi è caratterizzato da una processione figurata molto scenografica con i tipici “quadri” allestiti nella varie stradine del borgo. Oltre al Presepe vivente itinerante, si organizzano concerti, spettacoli e degustazioni di prodotti tipici. Dal 18 dicembre al 7 gennaio tanti eventi con “Salemi, il Natale che arriva…”tra spettacoli, laboratori, visite al Villaggio di Babbo Natale e tanto altro

https://www.cittadisalemi.it/it/news

https://www.facebook.com/culturaturismospettacolosalemi/?tn-str=k*F

 

11) ALCAMO (TP)

Castello di Alcamo

Spettacoli, concerti, laboratori di canto e chitarra e teatrali, il Gospel del 26 Dicembre, convegni, momenti culturali per adulti e bambini, i Mercatini di Natale, appuntamenti sportivi e tanto altro ancora fino al 6 Gennaio. Diverse iniziative culturali, presepe vivente o ai diversi presepi allestiti da varie associazioni. Inoltre l’attività concertistica legata al Coro Mater Dei o a al gruppo corale “Francesca Adragna”, degli appuntamenti diventati ormai un classico ad Alcamo in cui si propongono concerti natalizi che spesso si svolgono all’interno delle nostre chiese, creando suggestioni tipiche del periodo.

https://www.comune.alcamo.tp.it/it/page/43225

12) GIULIANA (PA)

Castello di Giuliana

Si organizza un Presepe vivente, giunto alla nona edizione, che ripropone quelli che erano i mestieri di una volta. La rappresentazione della Natività, è anche un modo per mettere in scena la vita degli antichi abitanti di Giuliana attraverso i lavori di un tempo: falegnami, calzolai, fabbri, i “consalemmi”.

http://www.comune.giuliana.pa.it/hh/index.php

 

 

13) CAMMARATA (AG)

Castello di Cammarata

Tra i presepi viventi più famosi e suggestivi della Sicilia c’è sicuramente quello di Cammarata. Importante e rinomato, registra ogni anno presenze record e numeri di livello. La sua caratteristica principale è l’ambientazione degli inizi del ‘900. Entrando nelle case di Cammarata, si ha la possibilità di scoprire come si facevano i dolci e il pane di una volta e gustarli insieme ai piatti tipici a base di legumi, cardi, prodotti del territorio. Passeggiando tra i vicoli e le stradine del bosco, incontrerete poi calzolai, fabbri, ricamatrici. Un viaggio alla scoperta dei mestieri e del quotidiano, delle tradizioni e della cultura di un tempo.  In più, quest’anno l’Amministrazione Comunale ha indetto la I^ EDIZIONE DEL CONCORSO “L’ALBERO PIU’BELLO” aperto a tutte le scuole dell’Istituto Comprensivo Dante Alighieri di Cammarata per addobbare un albero di Natale nel proprio plesso. La premiazione avverrà il 27 Dicembre c.a. alle ore 19.00 presso il Castello di Cammarata.

https://www.comune.cammarata.ag.it/cammarata/po/mostra_news.php?id=580&area=H

 

14) MUSSOMELI (CL)

Castello di Mussomeli

Dopo l’inizio del mese di dicembre si aprirà il 7 e l’ 8 con la Sagra della Guastedda, in occasione della festività dell’Immacolata. Si tratta di un dolce, di una focaccia fritta che ha origini molto antiche. Ottima da gustare con miele o zucchero mentre si passeggia tra i mercatini di Natale allestiti nella piazza principale di Mussomeli, sotto un grande albero di natale alto più di 15 metri, accompagnati da note di musica folk e siciliana. Per i più piccoli, imperdibile la Casa di Babbo Natale. Se siete interessati alle tradizioni popolari, un’altra consuetudine antichissima, è quella dei novenari. Poco prima del 25 dicembre, gruppi di giovani musicanti cantano novene siciliane e la cosiddetta “ninnaredda”, la ninna nanna di una volta.

https://www.comunedimussomeli.it/mussomeli/hh/index.php

 

15) CAMPOFELICE DI ROCCELLA (PA)

Castello di Campofelice di Roccella

Vengono organizzate fiere e sagre, degustazioni anche in collaborazione tra il Comune e le attività commerciali locali. Quest’anno, c’è un piccolo progetto che prevede la realizzazione di un mercatino natalizio nel mese di dicembre e di un presepe vivente.

https://www.comune.campofelicediroccella.pa.it/cmpflc/

 

 

 

 

 

16) TAORMINA (ME)

Castello di Taormina

Nella frazione di Mazzeo, troviamo un presepe all’aperto. Gli abitanti, aprono le loro case ai turisti, ai visitatori offrendo zeppole, acciughe fritte, piccoli arancini, broccoli affogati, tutti cibi che facevano parte della tradizione culinaria siciliana del Natale. Per quello che riguarda il centro, le nostre vetrine sono sempre piene di oggetti interessanti di artigianato e di dolci come frutta martorana , cannoli, tortine con la ricotta. In piazza abbiamo l’albero di Natale circondato da un’aiuola circolare e giochi d’acqua. Al Palazzo dei Congressi e in Cattedrale, sono in programma dei cori e concerti natalizi.

https://www.comune.taormina.me.it/

 

 

 

17) ERICE (TP)

Castello di Erice

Fino al 6 gennaio: presepi, zampognari, concerti, spettacoli , mostre e mercatini con la manifestazione EricèNatale. Il Borgo dei Presepi, vi accoglierà per un’esperienza magica che difficilmente dimenticherete. Oltre a questo, il ricco calendario delle feste prevede una serie di eventi musicali in piazza e all’interno della Chiesa di San Martino (gospel, musica classica e altro).

https://www.comune.erice.tp.it/it/page/42144

 

 

 

 

18) BURGIO (AG)

Castello di Burgio

Da oltre dieci anni Presepi in Festa. Vari gruppi di burgitani si trovano alle prese con la realizzazione dei presepi più svariati. Si tratta di una vera e propria gara che prevede l’assegnazione di un terzo, un secondo e un primo posto, premiando così gli autori dei presepi più belli.

https://www.comune.burgio.ag.it/

 

 

19) PIAZZA ARMERINA (EN)

Castello di Piazza Armerina

Si pensa al rilancio nel segno dell’abbraccio. accogliamo una mostra monumentale emozionale, considerata una tra le più importanti all’aperto d’Italia dal titolo “Mitoraj è Noto a Piazza Armerina – L’Abbraccio”. Realizzata con le opere di uno dei 100 artisti più famosi del mondo, Igor Mitoraj, celebre per i suoi “giganti feriti”, la mostra sarà visitabile fino al 30 gennaio e sarà possibile ammirare queste sculture colossali sia, alla Villa Romana del Casale, sia nel centro storico di Piazza Armerina. Dall’8 al 6 gennaio, verranno allestiti presepi artistici realizzati dal 1700 fino ad oggi, i quali renderanno fruibili luoghi che non sempre lo sono, come molte delle 100 chiese piazzesi, delle piccole perle di una bellezza infinita. Grazie a questa iniziativa, sarà possibile recarsi nella Chiesa di San Giovanni Evangelista e rimanere incantati da quella che viene definita la Cappella Sistina di Sicilia, interamente affrescata dal noto pittore fiammingo Borremans. Ci saranno i mercatini di Natale, mangiafuoco, trampolieri. Immancabile la musica con “Armonie di Natale”, quattro concerti sinfonici all’interno della Cattedrale dove abbiamo tra l’altro due organi del 1700 che, finalmente, dopo cento anni, suoneranno post restauro.

http://www.comune.piazzaarmerina.en.it/AREA_BLU.aspx

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.