Naturalmente a Tangi, un tuffo nel nostro meraviglioso passato agreste [Il programma] | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Trapani

Fino all'8 luglio

Naturalmente a Tangi, un tuffo nel nostro meraviglioso passato agreste [Il programma]

di
2 Luglio 2018

La vostra Patti Holmes, anima campagnola, ha deciso di farvi vivere una festosa tradizione agreste che anima, dal 30 giugno all’8 luglio, Tangi, piccola frazione rurale di Buseto Palizzolo, a confine tra i comuni di Erice e Valderice.

Al centro della manifestazione, organizzata dall’Associazione Cultura e Tradizioni “Tangi”, in collaborazione con i cittadini della frazione, l’Associazione Pro Loco, i Comuni di Buseto Palizzolo ed Erice, la Provincia Regionale di Trapani, c’è la valorizzazione della cultura contadina e delle bellezze paesaggistiche del territorio dell’Agro Ericino, dal quale si gode un’incantevole veduta panoramica  su Erice, Trapani e le saline, le isole Egadi fino a Marsala e Mozia.

locandina-tangi

Tra i momenti clou, la rievocazione delle laboriose fasi della mietitura e raccolta del grano con metodi tradizionali: preparazione dell’aia, trasporto (stravuliari) dei fasci di spighe, battitura con gli zoccoli degli animali (cacciari), separazione della paglia (spagghiari) con l’ausilio del vento e, infine, la passata a setaccio (cornuta cu civu).

Momento beneaugurale, la benedizione dei campi, dei prati e dei pascoli. Sagra del grano, rievocazione dell’antica mietitura, ritualità, fede, folklore, musica, balli e sapori della cucina popolare, i tanti elementi che troverete a Tangi. A partire da sabato, 30 giugno e fino all’8 luglio, vi aspettano, inoltre, “Giovanna” con il piccolo “Giuliano”, gli asinelli, mamma e figlio, mascottes della manifestazione per farvi trascorrere alcuni momenti  in allegria. Chiudiamo con Ronald Anthony Cross e il suo Il negozio di campagna: “Quando c’è silenzio. A notte tarda. D’estate. Col caldo. La calma. Puoi sentire il grano crescere. Muoversi. Steli torcersi lentamente. Allungarsi verso il cielo buio, sempre più in alto. Frusciando. La scintilla di magia che è la vita scorre su per gli steli per esplodere nella spiga. Il grande mistero” .

 

Programma

 

Sabato 30 Giugno

Alle 21,30

  • Liscio in Piazza con il gruppo “La Voglia Matta”
  • Degustazione di Sfinge

 

Domenica 1 Luglio

Alle 9
Giochi paesani per i bambini di età dai 5 ai 13 anni

Alle 21,30
“U Nutricu”, commedia brillante in due atti di Salvatore Genna rappresentata dall’Ass. “Artisti Ppi Jocu”

 

Da lunedì 2 a giovedì 5 luglio

Alle 20,30
Torneo di “Ciappeddi”

 

Sabato 7 luglio

Alle 17

  • “Ni viremu nell’aia”, nonni e nipoti, due generazioni insieme per rievocare la mietitura
  • Subito dopo, nonni e nipoti, porteranno un omaggio di spighe alla “Bedda Matri Addulurata”

 

Alle 21,30

  • Spettacolo musicale con Giovanni Di Pasquale (componenti della cover “Il Volo”) Alice Caioli, Sanremo giovani 2018 e la partecipazione straordinaria di Niky Luciani (ex cantante solista dei “Cugini di Campagna”)
  • Degustazione di Sfinge

 

Domenica 8 Luglio

Alle 8

  • Partenza per i campi per eseguire la mietitura. Mietitura e “culazione all’antu di ghiotta di babaluci”
  • Stravuliatina e prima fase della cacciatina
  • Estemporanea di Murales, a cura degli Allievi dell’Accademia di Belle Arti “Kandiskij” di Trapani

Alle 11

  • Benedizione dei campi, dei prati e dei pascoli
  • Celebrazione della Santa Messa nella Parrocchia Maria SS. Addolorata

Alle 17

  • Rappresentazione di tutte le varie fasi della raccolta del grano
  • L’intera giornata sarà allietata da musiche e canti popolari
  • Degustazione di prodotti tipici

Alle 21,30
Spettacoli di canti popolari siciliani con “Angello Daddelli & Picciotti”

Buon viaggio nel nostro rigenerante meraviglioso passato agreste.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.