Naufragio Nuova Iside, i familiari: "Recuperare il relitto" :ilSicilia.it

CONFERENZA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI

Naufragio Nuova Iside, i familiari: “Recuperare il relitto”

di
6 Luglio 2020

I familiari delle vittime del naufragio avvenuto nella notte tra il 12 e il 13 maggio della Nuova Iside chiedono con forza che venga recuperato il relitto. L’imbarcazione che si trova in fondo al mare a 1400 metri di profondità nel mare di San Vito Lo Capo.

Per questo hanno organizzato per domani alle 16 a Roma,, presso i locali della Camera dei Deputati, con il deputato nazionale Lorenzo Viviani, una conferenza stampa alla presenza di Rosalba Cracchiolo e Giovanna Leone rispettivamente mamma e compagna di Vito Lo Iacono per chiedere alle Istituzioni il recupero del relitto della “Nuova Iside” dove all’interno verosimilmente è ancora intrappolato il corpo del giovanissimo capitano del peschereccio, l’unico ancora non ritrovato dopo la tragedia.

Il mare ha restituito i corpi del padre Matteo Lo Iacono e il cugino Giuseppe Lo Iacono dopo che il peschereccio è colato a picco al largo di San Vito lo Capo (Tp). Su quanto successo quella notte la procura di Palermo ha aperto un’inchiesta coordinata dall’aggiunto Ennio Petrigni e il sostituto Vincenzo Amico. L’ipotesi che vi sia stata una collisione con la petroliera Vulcanello della società Augustadue del gruppo Mednav che si trovava nella stessa rotta.

La procura ha indagato quattro persone: il comandante della petroliera “Vulcanello”, l’armatore della società “Augustadue” e due ufficiali di plancia. Le ipotesi di reato sono omicidio colposo, sommersione di nave e omesso soccorso. Nei giorni scorsi i pm avevano disposto prima il sequestro della “scatola nera” e successivamente anche quello dell’imbarcazione attualmente ormeggiata nel porto di Augusta. Il corpo di Giuseppe Lo Iacono, 33 anni, padre di 4 figli, fu recuperato il 14 maggio; quello di Matteo Lo Iacono, 53 anni, due giorni dopo, avvistato da un traghetto in viaggio sulla tratta Ustica- Palermo, a circa 14 miglia a nord di Capo Gallo. Resta ancora oggi disperso Vito Lo Iacono, 27 anni così come il relitto del “Nuova Iside” Dalla Vulcanello sono stati prelevati 25 i reperti. Si attende in questi giorni la relazione dei carabinieri.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.