Naufragio Nuova Iside: la petroliera Vulcanello sarebbe stata riverniciata :ilSicilia.it
Palermo

L'esperto dovrà eseguire una perizia chimica

Naufragio Nuova Iside: la petroliera Vulcanello sarebbe stata riverniciata

di
3 Agosto 2020

La petroliera Vulcanello, che avrebbe speronato e affondato il peschereccio Nuova Iside di Terrasini, provocando la morte dei pescatori Giuseppe, Matteo e Vito Lo Iacono, potrebbe essere stata verniciata dopo l’impatto.

L’operazione potrebbe essere stata messa in campo per coprire le tracce della collisione, avvenuta tra il 22 maggio e il 27 maggio scorsi, una settimana circa dopo l’incidente.

Le due imbarcazioni percorrevano lo stesso tratto di mare al largo di San Vito Lo Capo, come emerge dai tracciati radar lo scorso 13 maggio, giorno in cui il peschereccio è affondato. Se sia stato modificato lo scafo, come ipotizza la procura di Palermo dopo i rilievi dei Ris di Messina che avrebbero rilevato la sovrapitturazione, lo accerterà un perito Giorgio Barbagelata, consulente tecnico del tribunale di Genova, nominato dal gip Piergiorgio Morosini. L’esperto dovrà eseguire una perizia chimica.

Il gip ha fissato per il prossimo 20 agosto l’incidente probatorio a cui dovranno partecipare i quattro indagati. Gioacchino Costagliola, 45 anni, comandante della Vulcanello, difeso dall’avvocato Antonio Passanisi, Giuseppe Caratozzolo, 26 anni, terzo ufficiale, difeso dagli avvocati Antonio Passanisi e Mario Virgillito, Mihai Jorascu, 53 anni, timoniere, difeso dall’avvocato Antonio Passanisi, e Raffaele Brullo, 74 anni, amministratore e legale rappresentante della società Augusta Due srl difeso dagli avvocati Filippo Dinacci e Giovanni Di Benedetto.

Castagliola, Caratozzolo e Jorascu sono indagati perché, in concorso tra loro, avrebbero provocato la sommersione del peschereccio Nuova Iside. Il terzo ufficiale e il timoniere dovranno rispondere anche del fatto che si sarebbero disinteressati della gestione e della cura della navigazione notturna della petroliera Vulcanello.

Il comandante dell’imbarcazione avrebbe omesso di svolgere attività di supervisione e controllo della navigazione notturna della petroliera. I tre rispondono inoltre della morte dei pescatori (uno dei corpi non è mai stato ritrovato) e di non avere prestato soccorso in mare.

L’amministratore della società Augusta Due srl è indagato anche per avere mutato artificiosamente lo stato dei luoghi disponendo la sovra pitturazione. All’incidente probatorio parteciperà anche Aldo Ruffino avvocato in rappresentanza delle famiglie dei pescatori vittime della tragedia al largo di San Vito Lo Capo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.