Nave con migranti in arrivo a Messina, Musumeci: "Una sfida ai Siciliani in questo momento" :ilSicilia.it

D'accordo con il presidente della Regione anche Salvini

Nave con migranti in arrivo a Messina, Musumeci: “Una sfida ai Siciliani in questo momento”

26 Febbraio 2020

194 migranti a bordo della nave Sea watch sono in arrivo a Messina, dopo che la città siciliana è stato indicato come porto sicuro per lo sbarco. La nave ong aveva caricato i migranti nelle scorse ore al largo della Libia.

Una vicenda che non è andata giù al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, che chiede dal governo Conte un atteggiamento responsabile, in questo momento di emergenza per il coronavirus: “Faccio appello al presidente Conte – ha detto il presidente della Regione – dal governo regionale siciliano è arrivato finora un responsabile atteggiamento rispetto alla gestione unitaria di questa emergenza. Ma serve reciprocità. Avevo chiesto ieri e ribadisco oggi: in un contesto di allarme come quello attuale, suona come una sfida al popolo siciliano pensare di fare sbarcare altri 194 migranti in Sicilia”.

Una quarantena a bordo è indispensabile o, se le autorità ritengono che la nave non lo consenta, si interloquisca con le autorità competenti e si diriga in altri porti”. Ha aggiunto il presidente della Regione Siciliana Musumeci.

Salvini: “Ha ragione Musumeci. Il governo non permetta lo sbarco”

“Ha ragione il governatore della Sicilia Musumeci, non è possibile che in un momento come questo il governo permetta lo sbarco di altre centinaia di immigrati, che l’Europa si svegli e se ne faccia carico”. Lo dice Matteo Salvini, commentando la richiesta del governatore siciliano che ha chiesto di non far sbarcare la Sea Watch sull’isola

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona