Naxoslegge apre "Nella terra di Iside. L’Egitto nell’immaginario letterario italiano" :ilSicilia.it
Messina

il saggio di Dora Marchese sarà presentato Sabato 29 febbraio

Naxoslegge apre “Nella terra di Iside. L’Egitto nell’immaginario letterario italiano”

di
26 Febbraio 2020

I rapporti tra l’Italia e l’Egitto, sia a livello politico che culturale, sono stati da sempre forti e fecondi, molto prima della moda scoppiata in Europa a seguito della spedizione di Napoleone Bonaparte, ed hanno interessato anche l’ambito culturale e letterario dal momento che molti autori italiani hanno visitato l’Egitto, lo hanno narrato, vi hanno vissuto, vi si sono rifugiati e vi hanno persino avuto i natali.

Sabato 29 febbraio, il saggio “Nella terra di Iside. L’Egitto nell’immaginario letterario italiano” di Dora Marchese aprirà la serie di incontri programmati nella sezione Sguardi a Oriente di Naxoslegge, coordinati da Tamako Chemi, nell’ambito delle iniziative culturali promosse dal Museo regionale della Città dello Stretto di Messina in collaborazione con Naxoslegge, il festival delle narrazioni diretto da Fulvia Toscano.

Il saggio, che verrà presentato dall’autrice con Lorenzo Braccesi, storico, accademico e saggista, e da Giacomo Cavillier, docente dell’Università del Cairo e direttore della missione italiana a Luxor, insieme alla molteplicità dei legami storici, economici, culturali e sociali tra le due terre, vuole raccontare l’immagine dell’Egitto nella letteratura italiana tra XVIII e XX sec., nel periodo che va dalla spedizione napoleonica, passando dalla realizzazione del Canale di Suez e dall’Aida di Giuseppe Verdi, dalle Battaglie di Dogali e Adua, per giungere alle politiche giolittiane e fasciste e alla Radio Cairo con cui Fausta Cialente informava gli italiani durante la seconda guerra mondiale.

Tra Otto e Novecento Il Cairo e Alessandria sono un grande palcoscenico per gli italiani, viaggiatori, esuli, emigrati, avventurieri, scienziati, portatori di ideali risorgimentali, anarchici convenuti intorno alla ‘Baracca rossa” di Enrico Pea. Straordinarie esperienze riportate in poesie, romanzi, testi teatrali da Gabriele D’annunzio, Filippo Tommaso MarinettiGiuseppe UngarettiLeda Rafanelli. L’ Egitto antico e moderno di Giuseppe Regaldi e  Le figlie dei faraoni di Salgari conquistano l’Italia, le Memorie sull’Egitto di Amali Nizzoli, che per prima descrive gli harem, si affiancano a quelle di visitatrici ed esploratrici. In Sicilia Emanuele Ciaceri scopre che il culto di Sant’Agata patrona di Catania – ricordato da Giovanni Verga – è modellato su quello di Iside, e un viaggiatore etneo, Natale Condorelli, immagina l’Egitto naturale sponda culturale ed economica dell’isola, crocevia del Mediterraneo.

Nella terra di Iside di Dora Marchese, dunque, narra un’esotica avventura umana e letteraria, permettendo di scoprire e riscoprire autori e testi poco noti o dimenticati e di riflettere sul profondo legame tra l’Italia e l’Egitto.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.