15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Messina

A denunciarlo il presidente del Gal

Nebrodi bloccati dalla neve, Calanna: “Comuni isolati, la Regione richiami l’Anas” | Video intervista

9 Gennaio 2019

GUARDA L’INTERVISTA IN ALTO

“Gravi problemi di sicurezza lungo le strade che attraversano i Nebrodi”. A denunciarlo il presidente del Gal Nebrodi Francesco Calanna, che ha sollecitato l’intervento dell’assessore regionale ai Trasporti Marco Falcone, e dell’Anas.

A causa del maltempo e delle abbondanti nevicate dei giorni scorsi molti Comuni del Messinese sono rimasti isolati con gravi danni, non solo a livello economico e turistico, ma soprattutto per la sicurezza.

Francesco Calanna“L’assessore Falcone ha convocato i vertici dell’Anas perché è veramente inammissibile che nel 2019 ci siano delle arterie stradali completamente bloccate perché l’Anas non ha i mezzi adeguati per togliere la neve dalle strade“, attacca Calanna.

Il Parco dei Nebrodi, luogo di richiamo turistico, è praticamente inarrivabile.

“Qualche giorno fa la strada San Fratello – Cesaro era impraticabile per la neve e c’erano centinaia di macchine che scivolavano o erano bloccate per ore. Solo dopo parecchio tempo l’Anas, con un mezzo tra l’altro non adeguato, è intervenuta ed è riuscita a togliere solo per alcuni tratti la neve e a far passare le auto. In questi giorni sui Nebrodi la neve sta aumentando e ancora l’Anas non sta provvedendo in modo adeguato. Non vogliamo neanche immaginare cosa potrebbe succedere se rimanessero bloccati dei mezzi di soccorso o un’ambulanza. Non siamo cittadini di serie B, da questa e altre strade dei Nebrodi passano migliaia di persone al giorno che non possono restare prigioniere della neve, la Regione intervenga sull’Anas per risolvere al più presto questa incresciosa situazione”.

“Manca dunque una programmazione di base per affrontare le emergenze”, ha concluso.

IL VIDEO SU FACEBOOK:

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.