Nel "Dl Crescita" la norma che vieta di usare la parola mafia come marchio | ilSicilia.it :ilSicilia.it

La previsione inserita nell'atto avente forza di legge

Nel “Dl Crescita” la norma che vieta di usare la parola mafia come marchio

di
27 Marzo 2019

Utilizzare la parola ‘mafia‘ come marchio e nelle insegne di bar, ristoranti e pizzerie potrebbe essere vietato per legge. Lo prevede una delle norme inserite nel cosiddetto decreto di legge ‘Crescita’.

Potrebbe, dunque, diventare vietato utilizzare il ‘brand’ mafia, qualora la norma contenuta nell’atto avente forza di legge dovesse avere l’ok. Nella bozza del decreto Crescita, infatti, è stata inserita una norma che vieta la registrazione come marchio d’impresa ‘parole, figure o segni lesivi dell’immagine o della reputazione dell’Italia’, come appunto il riferimento alla mafia.

La stessa disposizione mira a tutelare maggiormente i segni riconducibili alle forze dell’ordine e alle forze armate e i nomi di Stati, Regioni e Comuni, vietando, anche in questo caso, il riferimento per la registrazione a marchi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin