Nel Pd i pontieri anti-correnti: "Siamo stanchi di logiche e divisione di potere" :ilSicilia.it

oggi in sala stampa in ars

Nel Pd i pontieri anti-correnti: “Siamo stanchi di logiche e divisione di potere”

di
31 Luglio 2019

Un nuovo spazio politico all’interno del Pd creato all’Ars per placare gli animi e i dissapori del partito democratico in Sicilia che ha portato al commissariamento della segreteria regionale.

Oggi in sala stampa a Palazzo dei Normanni, è stato presentato un documento a firma dei deputati regionali, Giuseppe Arancio, Michele Catanzaro, Emanuele Dipasquale, Baldo Gucciardi, che spiega le ambizioni di questo nuovo progetto politico, tutto siciliano.

Meno correnti e più azione politica, per soddisfare la richiesta di aiuto e il bisogno di crescita dei singoli territori siciliani”.  Si legge nero su bianco sul documento. “Occorre lavorare per la costruzione di un Pd che sia davvero la casa di tutti: tanto dei progressisti quanto dei moderati, che condividono i principi di democraticità che condividono i principi di democraticità, di rispetto delle diversità, delle minoranze, della libertà di stampa, della tutela dei più deboli”.

pd in arsInsomma, qualcuno direbbe che questo contenitore politico è la traduzione del “Volemose bene tutti”.

Dopo che da anni non si creano all’interno del Partito Democratico siciliano dei congressi provinciali, circoli cittadini e una campagna dei tesserati. Ma seguito dell’arrivo del commissario Losacco del Pd, i deputati regionali si rimboccano le mani e cercando di ripartire da zero.

Questa azione politica non ha nulla a che vedere con una nuova corrente o alla gestione di potere”. Affermano ai giornalisti in sala stampa i deputati regionali. “Ora come non mai c’è bisogno di tutti e di unità. La divisione in questo momento porterebbe in una sconfitta di tutti. La scissione del Pd sarebbe la morte sia del partito che di una nuova creazione politica. La futura nomina della segreteria regionale non deve essere momento di scontro ma momento di sintesi. Spero che il nostro contenitore di idee potrà aiutare alla scelta di questo candidato. Siamo stanchi di divisione e delle logiche delle componenti troppo spesso occupate da logiche esclusivamente nella gestione del potere”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin