Neonata morta dopo il parto a Palermo, genitori denunciano l'ospedale :ilSicilia.it
Palermo

Trasferita per complicazioni dal Buccheri al Civico

Neonata morta dopo il parto a Palermo, genitori denunciano l’ospedale

di
5 Dicembre 2017

Una neonata è morta a Palermo dopo il parto all’ospedale Buccheri La Ferla: i genitori di Celeste hanno presentato una denuncia ai carabinieri per accertare le responsabilità della morte.

Nell’esposto hanno raccontato che la sera del 2 dicembre la madre della piccola aveva rotto le acque; il marito l’ha accompagnata al pronto soccorso ostetrico del Buccheri La Ferla dove era stata seguita durante i nove mesi di gravidanza. “Viene ricoverata e monitorata – racconta il fratello della donna nella denuncia – in attesa del parto naturale. Durante la notte mia sorella ha iniziato il travaglio”. In serata, i medici hanno deciso di effettuare un taglio cesareo d’urgenza, ma solo “su continue richieste dei due genitori”.

Intorno alle 22 del 3 dicembre la madre, 33 anni residente a Carini, ha dato alla luce Celeste: 3,7 chili. “Dopo circa 10 minuti dal parto – prosegue il fratello – ho appreso da mio cognato che la bambina aveva avuto delle complicazioni“. Circostanza confermata dalla stessa equipe sanitaria del reparto di terapia intensiva neonatale del Buccheri. “Alle 3 del 4 dicembre – aggiunge – ci riferiscono che la bambina deve essere sottoposta a trattamento ipotermico e per questo motivo, necessitava di essere trasportata al Civico poiché lì non disponevano delle attrezzature”.

La piccola in serie difficoltà respiratorie è stata portata all’ospedale Civico dove è morta poco dopo. “La neonata – dice Giorgio Trizzino direttore sanitario dell’ospedale Civico – è giunta già in condizioni di morte cerebrale. Il decesso è avvenuto dopo circa due ore”.

I genitori di Celeste hanno chiesto l’autopsia e il sequestro della cartella clinica.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.