Nessuna concussione: Dario Lo Bosco e due funzionari regionali assolti in Cassazione :ilSicilia.it
Agrigento

in primo grado era stato condannato a 4 anni e 2 mesi

Nessuna concussione: Dario Lo Bosco e due funzionari regionali assolti in Cassazione

di
10 Giugno 2021

Diventa definitiva l’assoluzione dell’ex presidente di RFI e dell’AST, Dario Lo Bosco, accusato di concussione.

In primo grado, al termine del rito abbreviato, Lo Bosco era stato condannato a 4 anni e 2 mesi, insieme a Salvatore Marranca funzionario regionale della Forestale; 4 anni e mezzo per Giuseppe Quattrocchi, anche lui funzionario. In Appello, invece, tutti e tre erano stati assolti poiché le dichiarazioni dell’imprenditore agrigentino Massimo Campione, titolare della Sistet Technology, erano state giudicate prive di riscontro o incongruenti.

Adesso – come riporta il Giornale di Sicilia in edicola oggi – Lo Bosco e i due funzionari regionali sono stati assolti pure in Cassazione.

Le indagini erano partite da Campione, ritenuto un imprenditore che pagava tangenti a politici, dirigenti e burocrati, per fare affari. Lo Bosco, secondo l’accusa, avrebbe accettato 58.650 euro per spingere Rfi ad acquistare un sensore per il monitoraggio dell’usura delle carrozze ferroviarie affittate a terzi. Quattrocchi e Marranca invece, avrebbero ricevuto complessivamente circa 250mila euro: in cambio avrebbero evitato intoppi nei lavori di ammodernamento della rete di radiocomunicazioni della Forestale che Campione si era aggiudicato, vincendo un appalto di 26 milioni.

Campione nel settembre 2015 venne fermato all’aeroporto di Palermo e fu trovato in possesso di un libro mastro, contenente nomi e cifre abbastanza chiari, almeno in apparenza. Decisivo, però, nel processo il suo atteggiamento ondivago, con accuse e ritrattazioni. Alla fine, per la Cassazione, le dichiarazioni di Campione sarebbero prive di riscontri e con contraddizioni.

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Tangenti, assolto in appello l’ex Presidente di Rfi Dario Lo Bosco

Chiusa inchiesta su Lo Bosco, ex presidente RFI

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin