Nessuna risposta da Roma, la Sicilia attende ancora sulle deroghe ai DPCM :ilSicilia.it

NON c'è STATO SEGUITO ALL'APPELLO DI NELLO MUSUMECI

Nessuna risposta da Roma, la Sicilia attende ancora sulle deroghe ai DPCM

di
27 Ottobre 2020

La Sicilia resta in attesa della richiesta di deroga fatta al Governo sulle chiusure dettate dal nuovo DPCM. Era stato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, ad annunciarla, dicendosi “perplesso” sulle nuove misure anti-covid.

LE PAROLE DI MUSUMECI

La realtà della Sicilia non è quella di altre regioni del Nord – dichiarava il govenatore –. Non escludiamo che ci si possa arrivare. Speriamo di no, ma se in questo momento è possibile far lavorare alcune categorie perché non lo si deve fare?

Sempre sul nuovo decreto, Nello Musumeci aggiungeva: “ci lascia perplessi sulla chiusura alle 18 di ristoranti, pizzerie e bar: una situazione sinceramente penalizzante“.

Sulla chiusura dei teatri e cinema invece Musumeci aveva detto: “Ho riunito la giunta per chiedere di proporre a Roma una deroga, un protocollo a due tra Regione e governo centrale per il settore dei Beni culturali, in cui la Sicilia esercita la potesta’ legislativa, affinche’ si possano tenere aperti almeno teatri e cinema“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin