"Nessuna traccia delle proroghe contrattuali per i Navigator", protesta dei sindacati :ilSicilia.it

la nota di Fesla CISL, CGIL NidiL, UIL Temp

“Nessuna traccia delle proroghe contrattuali per i Navigator”, protesta dei sindacati

di
22 Dicembre 2020

“Nella bozza di legge di bilancio non vi è alcuna traccia del rinnovo contrattuale atteso dalle lavoratrici e dai lavoratori in forza presso Anpal Servizi ed in scadenza il prossimo 30 aprile 2021. Stiamo parlando di 2.700 lavoratori e lavoratrici che da oltre un anno operano presso i CPI italiani a supporto dei beneficiari di Reddito di cittadinanza e da qualche mese anche in raccordo con le imprese per attività di rilevazione di opportunità occupazionali”.

Lo scrivono in una nota i sindacati Fesla CISL, CGIL NidiL, UIL Temp, parlando del caso dei navigator.

“Tutto ciò sta generando grande preoccupazione tra i lavoratori a cui si unisce anche quella delle Organizzazioni Sindacali; ci saremmo aspettati infatti ben altro approccio, anche in considerazione dell’annunciato sviluppo delle politiche attive da sempre sbandierato dal Governo. Invece andiamo incontro alla creazione della ennesima sacca di disoccupati, con gravi ripercussioni sui cittadini tutti, tanto in termini di nuovi oneri che di mancanza di professionalità specializzate per il definitivo decollo delle politiche attive del nostro Paese.

Siamo sicuri che questi lavoratori potranno contribuire alla qualificazione del mercato del lavoro per i rispettivi ambiti di intervento. A fronte di tale chiusura, che fa il pari con l’assoluta mancanza di interlocuzione con il Ministero del Lavoro sul tema, le scriventi Organizzazioni sindacali proclamano lo stato di agitazione dei navigator in forza presso Anpal Servizi, annunciando fin d’ora una serie di iniziative di mobilitazione e protesta, che saranno messe in campo nelle prossime settimane, al fine di creare i presupposti per la continuità occupazionale di questi collaboratori, che dopo esperienze, attività e risultati ormai noti e dimostrabili, sarebbero tagliati fuori proprio nel momento in cui ci sarà maggior bisogno del loro supporto”, concludono.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.