"Nessuno deve rimanere indietro": l'appello dei lavoratori dello Spettacolo alle istituzioni :ilSicilia.it
Palermo

la nota ufficiale FIALS-CISAL

“Nessuno deve rimanere indietro”: l’appello dei lavoratori dello Spettacolo alle istituzioni

di
18 Aprile 2020

Nessuno deve rimanere indietro“: questo l’urlo dei lavoratori del settore Spettacolo che, dopo la chiusura totale delle attività, in rispetto ai decreti governativi emessi al fine di contenere la diffusione del Covid-19, chiedono, di proporre a chi di dovere, nuove modalità di lavoro.

La nota ufficiale del sindacato

“La Federazione Italiana Autonoma Lavoratori dello Spettacolo FIALS-CISAL, sindacato maggiormente rappresentativo nelle categorie artistiche delle Fondazioni Lirico Sinfoniche, Teatri di Tradizione e ICO, ha dovuto constatare con rammarico il rifiuto di alcuni sovrintendenti circa la possibilità che i lavoratori del settore potessero da subito dare il proprio doveroso contributo al territorio per alleviare il pesante momento che i cittadini stanno vivendo a causa degli effetti della diffusione del Covid-19.

Appare incredibile infatti come ad oggi un comparto così centrale nel mondo della Cultura non riesca ad immaginare, organizzare ed offrire in sicurezza un prodotto artistico ad una nazione già fortemente privata di alcune garanzie costituzionali sino a ieri considerate irrinunciabili.

Si preferisce invece, con il beneplacito del ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, scaricare il costo del personale dipendente sugli ammortizzatori sociali pur continuando ad incassare i finanziamenti da parte dello Stato e dagli Enti locali, facendolo pagare così alla collettività per ben due volte e sottraendo preziose risorse a coloro i quali ne hanno reale necessità.

Inoltre, visti i tempi previsti di riapertura delle sale teatrali, bisogna registrare che il personale a tempo determinato storicamente presente nelle Fondazioni, rischia di rimanere tagliato fuori da qualunque tutela contrattuale e salariale, ponendo per lungo tempo queste lavoratrici e questi lavoratori ai margini non solo del mondo del lavoro ma anche della società.

La FIALS-CISAL, pertanto, si appella al buon senso delle Istituzioni, il particolare al Sindaco Presidente Leoluca Orlando, al Presidente della Regione Nello Musumeci e al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, nonché ai membri del Consiglio d’Indirizzo ed al sovrintendente della Fondazione Teatro Massimo Francesco Giambrone, affinché si possa tornare a garantire un servizio adeguato ai cittadini trovando tutte le tutele per le professionalità del comparto che rischiano concretamente di disperdersi”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.