Nibali vuole il pubblico al Giro d'Italia: "Se lo togli, il ciclismo soffre tanto" :ilSicilia.it

LO SQUALO DELLO STRETTO SULLA "CORSA ROSA"

Nibali vuole il pubblico al Giro d’Italia: “Se lo togli, il ciclismo soffre tanto”

di
15 Maggio 2020

E’ giusto prendere precauzioni per gli eventi sportivi, ma la ripartenza ci deve essere“. E’ il pensiero di Vincenzo Nibali, ospite di “Tutti Convocati” su Radio24.

Bene o male tutti gli Stati stanno ripartendo, qui in Svizzera oggi ho visto bar aperti. Non bisogna fare terrorismo su tutto”.

NIBALI SUL CALENDARIO E SUL PUBBLICO

Lo “Squalo dello Stretto”, così come è soprannominato dai suoi fans, critica l’attuale sistema dei calendari messo in campo dall’UCI. “Molte cose non vanno bene, ma il calendario subirà ancora cambiamenti, non è facile inserire tanti eventi in così poco tempo. Bisogna privilegiare le corse d’eccellenza, quelle più piccole devono un attimino adattarsi. I gruppi chiaramente si divideranno“.

Il ciclista, vincitore di Giro d’Italia, Tour de France e Vuelta, non esclude che la corsa rosa si possa correre con il pubblico.

Corse come il Giro ti permettono di seguirle anche sulla strada a distanza. Se togli il pubblico in questi momenti il ciclismo soffre tanto. Il pubblico nostro è sempre stato bravo, pacato, eccetto alcune situazioni. Una ripartenza con il pubblico a debita distanza che rispetti lo sport, credo si possa fare“.

E per quanto riguarda gli obiettivi, dopo aver conquistato i tre grandi giri, il sogno è “indossare la maglia di campione del mondo. Quest’anno erano in programma le Olimpiadi, è normale che l’obiettivo ricada sul campionato del mondo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin