Niente domiciliari, Gaetano Riina resta in carcere :ilSicilia.it

AVEVA CHIESTO I DOMICILIARI

Niente domiciliari, Gaetano Riina resta in carcere

13 Settembre 2019

Rimane in carcere Gaetano Riina, fratello del boss di Cosa Nostra Totò Riina, recluso presso la casa circondariale “Lorusso e Cutugno” di Torino.

L’uomo, tramite il suo avvocato Wilmer Perga, aveva chiesto di essere messo ai domiciliari perché affetto da “artrosi diffusa, ipertensione arteriosa, cardiopatia, insufficienza renale con adenoma”.

Un quadro clinico che il suo legale definisce “in continuo peggioramento“. Gaetano Riina, che compirà 87 anni il 5 novembre, è in carcere con l’accusa di estorsione e deve espiare una condanna di sei anni. Il fine pena è previsto per il 2021.

Il rapporto di parentela – aggiunge l’avvocato Perga – con il defunto fratello non può influire sul suo giudizio di pericolosità“. La richiesta dei domiciliari è stata rigettata dal Tribunale di sorveglianza.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.