Niente gratta e vinci causa coronavirus, spara alla tabaccaia e poi si uccide :ilSicilia.it
Messina

è successo a Messina

Niente gratta e vinci causa coronavirus, spara alla tabaccaia e poi si uccide

di
24 Marzo 2020

Voleva comprare dei gratta e vinci, ma al diniego della titolare dovuto all’emergenza coronavirus, ha reagito urlando e sparando contro la donna. Poi si è tolto la vita con la sua stessa pistola. La vittima è Giuseppe Bucalo, uomo di 78 anni. Le indagini sono state condotte dalla Squadra mobile del capoluogo peloritano.

LA RICOSTRUZIONE

Il fatto è accaduto questa mattina a Messina. L’anziano, dopo aver lasciato la sua abitazione, sembra a causa di una lite con la moglie, si è recato nel punto vendita.

Secondo la ricostruzione dei poliziotti, il soggetto, apparso in stato confusionale, avrebbe preteso di acquistare tutti i gratta e vinci oppure di giocare al lotto, poi la tragedia.

La donna, rimasta ferita a seguito dello sparo, è stata portata al Policlinico.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.