Niente patente d'immunità in Sicilia, ma confini chiusi fino al 7 giugno :ilSicilia.it

LA LINEA DEL GOVERNO REGIONALE

Niente patente d’immunità in Sicilia, ma confini chiusi fino al 7 giugno

di
27 Maggio 2020

La Sicilia rimarrà “chiusa” ai turisti almeno fino al 7 giugno.

Mentre l’Italia riaprirà i propri confini già a partire dal 3, sull’Isola non si potrà accedere liberamente. Rimarranno infatti in vigore le regole dell’autocertificazione, della registrazione sul portale e della quarantena obbligatoria fino al primo weekend di giugno.

NIENTE PATENTE D’IMMUNITÀ

Non si tratta di una vera e propria novità, ma di un provvedimento già inserito nell’ordinanza del presidente Nello Musumeci del 18 maggio. Da Roma fanno sapere che questa sarà l’ultima concessione in deroga alla Sicilia in materia.

Intanto, viene accantonato il progetto di patente di immunità per i turisti, ritenuto inattuabile anche dal viceministro Sileri. No anche ai test sierologici rapidi, mentre rimarrà in vigore l’utilizzo dei termoscanner.

 

Una decisione controversa, fra l’esigenza di garantire la salute pubblica e di far ripartire al più presto i motori del turismo, già fortemente ingolfati dall’emergenza covid-19.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.