Nina Giambona, tra antropologia e pittura: le sue tele reinterpretano il carretto siciliano :ilSicilia.it

Nina Giambona, tra antropologia e pittura: le sue tele reinterpretano il carretto siciliano

di
3 Luglio 2020

Nina Giambona è un’antropologa palermitana che in questo ultimo decennio ha dedicato la propria vita alla ricerca della tradizione siciliana con uno studio approfondito sul carretto siciliano, oggetto che ha attratto la sua attenzione sin dalla più tenera età facendola appassionare ad ogni dettaglio. Adesso, alla passione e allo studio per la tradizione ha aggiunto un altro tassello creando opere pittoriche dedicate all’antico mezzo di trasporto. L’idea è piaciuta moltissimo oltreoceano, tant’è che l’intera collezione delle sue opere verrà esposta per la prima volta al Museo d’Arte Italiana a Los Angeles (la data certa ancora non è stata stabilita a causa del Coronavirus).

Il carretto siciliano è da sempre fonte d’ispirazione per l’artista che l’ha portata a creare una collezione d’opere d’arte dipinte con una tecnica specifica che vuole riprendere l’essenza della tradizione della nostra terra. La visione artistica si è presentata durante i mesi della quarantena che tutta la comunità ha vissuto e che ha permesso all’antropologa di riflettere e studiare maggiormente sulla natura del carretto, un elemento importante questo che le ha dato modo di creare un’intera collezione di quadri di diverse dimensioni e con figure rappresentative a volte stilizzate, a volte storiche contenute nelle varie scene disegnate nei carretti siciliani.

I colori scelti per le sue tele non sono per niente comuni, c’è la predominanza dell’oro. Oro inteso come tesoro, come fonte di luce e come elemento che oggi più che mai, vuole supportare anche cromaticamente le nostre vite. Nina Giambona è profondamente innamorata della Sicilia e della nostra tradizione per questo continua incessantemente a studiarne ogni peculiare elemento traendone spunto per realizzare anche attraverso la pittura una performance artistica.

Nina stessa dichiara «L’ultimo ventennio è stato l’inizio del grande cambiamento globale, il fenomeno interculturale e le migrazioni. La nostra Isola, luogo di dominazioni e contaminazioni ma anche di accoglienza, continua ad evolversi: la Sicilia è terra di Re e imperatori, soprattutto di grandi personaggi storici, che hanno segnato la storia, la letteratura, la scienza, la cultura e l’arte: ed è proprio a questa che ho voluto dedicare tutto ciò che ho ricercato e maturato in tutta la mia vita».

Autrice del testo “Il cambiamento del carretto siciliano, icona della nostra terra”, per Nina, il cambiamento del secolo significa “Glocalizzazione“. L’antropologa ritiene che la globalizzazione ci abbia azzerato, adesso è tempo di un nuovo “Rinascimento”. Dopo i più grandi pittori, che in Sicilia hanno dato colore al mezzo di trasporto tipico della Sicilia, dal Di Mauro, ai Ducato, a Guttuso passando per Caruso, il Carretto Siciliano con Nina perde la policromia e diventa “oro”.

L’america, in particolare la Confederazione dei siciliani del Nord America sposano e patrocinano il progetto artistico, la prima meta d’esposizione delle tele della palermitana Nina sarà dunque proprio Los Angeles, e tanti altri impegni la vedranno in cammino per altre mete sempre senza dimenticare la sua terra, infatti Nina esporrà le sue opere anche al Museo Du Mal a Terrasini e al Museo Gullotti di Bronte. L’arte per Nina non ha limiti con la sua collezione dal titolo simbolico “Car jambo Jet” girerà tutto il mondo inviando un messaggio di trasposizione artistica e di rinascita della tradizione siciliana che accomuna tre generazioni dagli anziani con la tradizione fino ai bambini che cerca di incuriosire nelle sue opere grazie ai personaggi Disney.

Un mondo affascinante quello di Nina di cui gli americani si sono innamorati nel 2017, patrocinando il primo tour dell’antropologa “Il tour del carretto, i colori del sole, il carretto come icona” con diverse tappe in Sicilia, un evento culturale tra memoria, tradizione e innovazione. Sempre l’America continua a supportare il lavoro di Nina e il prossimo passo sarà, appunto, la sua personale a Los Angeles in autunno e a seguire un tour delle sue opere in altre località internazionali.

© Riproduzione Riservata
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.